Ominide 4082 punti

Sistema nervoso: periferico e centrale

L’organismo umano è una struttura unitaria grazie a un complesso sistema che coordina le sue parti.
E’ possibile distinguere due meccanismi di regolazione: uno di tipo elettrico, utilizzato dal sistema nervoso, l’altro di tipo chimico, impiegato dal sistema endocrino.
In realtà i due sistemi si integrano, tanto che è possibile parlare di un unico sistema neuroendocrino, grazie al quale l’organismo riesce a mantenere costante il suo ambiente interno (omeostasi).

Il sistema nervoso dell’uomo è costituito prevalentemente da neuroni e viene distinto in due parti: il sistema nervoso centrale e il sistema nervoso periferico.
Il sistema nervoso centrale è composto dall’encefalo e dal midollo spinale, entrambi provvisti di una duplice protezione:
• Sono contenuti rispettivamente nella scatola cranica e nella colonna vertebrale;

• Al di sotto dell’osso è presente un ulteriore involucro protettivo, le meningi, costituite da due strati di tessuto connettivo: la pia madre, sottile e aderente intimamente all’encefalo e al midollo, la dura madre, più spessa e a contatto con le ossa, e l’aracnoide, interposta tra le due, sottile come la tela di un ragno (da qui il nome). Lo spazio compreso tra l’aracnoide e la pia madre contiene un liquido, detto liquido cefalorachidiano o liquor, che ha lo scopo di proteggere gli urti.

Le diverse strutture dell’encefalo contengono al loro interno una serie di cavità intercomunicanti, dette ventricoli, ripiene di liquido cefalorachidiano, derivate dall’allargamento del canale presente nel tubo neurale dell’embrione.

Hai bisogno di aiuto in Anatomia e Fisiologia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email