je_je88 di je_je88
Ominide 50 punti

Sezione di cuore di maiale

In laboratorio di biologia abbiamo utilizzato un cuore di maiale, che abbiamo sezionato per analizzare le parti che lo costituiscono, verificando ciò che abbiamo studiato.Il maiale, essendo un mammifero come l’uomo, possiede un cuore suddiviso in quattro cavità,che andiamo ad osservare.
L’unico strumento di cui ci serviamo è una lametta, che ci permette di tagliare il cuore nelle varie parti.(inoltre utilizziamo dei guanti per non macchiarci di sangue).

Il cuore è l’organo più importante che costituisce il sistema circolatorio o cardiovascolare;gli altri componenti sono i vasi sanguigni e il sangue.

Inizialmente il cuore di maiale ci viene consegnato in posizione ventrale,ossia noi lo osserviamo in maniera opposta rispetto a come si trova nel nostro corpo, e nel nostro caso, nel corpo del maiale:quindi ciò che si trova nella parte destra,noi la osserviamo alla nostra sinistra e viceversa.

Come sappiamo il cuore è costituito da un saco fibroso, il pericardio, che circonda il cuore vero e proprio,costituito dal miocardio, ossia da pareti muscolari che si legano ad un telaio fibroso formando quattro anelli di tessuto connettivo.
In questa posizione riconosciamo una linea separatrice,detta solco interventricolare,che divide in due parti il cuore.

La prima operazione da svolgere, con l’aiuto della lametta, è quella di eliminare il grasso in ecesso, riconoscibile perché di colore biancastro.
Successivamente effettuiamo il primo taglio, dopo aver girato il cuore e averlo messo in posizione dorsale,come si trova nel corpo.(In verità questo non è il primo taglio che subisce il cuore, esso è già stato tagliato in precedenza,in modo da far uscire il sangue dal cuore).
Attraverso questo taglio,sulla parte posteriore, dividiamo il cuore un due parti a partire dall’alto, fino ad arrivare alla punta del cuore. Possiamo quindi notare in alto i due atri, uno a destra ed uno a sinistra, più piccole delle due parti inferiori, ossia ventricolo sinistro e ventricolo destro.La metà destra trasporta il sangue deossigenato, povero di ossigeno verso i polmoni, mentre la parte sinistra pompa il sangue ossigenato,portandolo in tutto il resto del corpo (circolazione sistemica).
Possiamo notare inoltre sulla parte sinistra,la valvola bicuspide o mitrale,che collega atrio sinistro con ventricolo sinistro, mentre sulla destra la valvola tricuspide, liscia,che collega atrio con ventricolo destro.
Osserviamo attentamente l’endocardio: possiamo notare come al tatto la sua superficie sia completamente liscia: questo per far in modo che l’attrito del sangue con le sue pareti sia ridotto al minimo;il resto della muscolatura invece è più ruvido,striato.

Inoltre possiamo notare una sostanziale differenza tra ventricolo destro e ventricolo sinistro:
la prima è più sottile, in quanto attraverso essa scorre il sangue deossigenato diretto verso i polmoni;la seconda invece molto più spessa,circa tre volte di più,in quanto esso pompa al sangue ossigenato a tutto il resto del corpo,che quindi è molto di più.dal ventricolo destro il sangue si sposta verso la vena polmonare

Nella parte superiore, possiamo vedere invece le valvole che collegano il cuore con il resto del corpo:
abbiamo l’arteria polmonare sulla destra,che trasporta il sangue deossigenato ai polmoni, le vene cave,che raccolgono il sangue deossigenato proveniente da tutto il corpo, l’aorta,che trasporta il sangue ossigenato in tutto il corpo e la vena polmonare,che porta il sangue ossigenato nel cuore che possiamo distinguere per la diversa ampiezza della loro sezione.
All’interno del cuore invece,possiamo notare, dopo aver tagliato ventricolo destro e sinistro, un insieme di valvole che garantiscono che il sangue scorra in un’ unica direzione.
Tra gli atri e i ventricoli vi sono le valvole atrioventricolari, mentre quelle che si trovano tra i ventricoli e le arterie sono dette valvole semilunari, che abbiam visto essere costituite da tre lembi:esse sono formate da tessuto connettivo per cui una volta che il sangue è spinto nella aorta non può tornare a i ventricoli.(Le altre valvole invece permettono al sangue di non tornare negli atri, una volta avvenuta la contrazione dei ventricoli.)
La chiusura delle valvole atrioventricolari identifica il primo battito cardiaco,mentre il secondo è dovuto alla chiusura delle valvole semilunari.

La seguente struttura del cuore garantisce una circolazione doppia e completa, che evita il contatto tra sangue ossigenato e sangue deossigenato.

Registrati via email