Cronih di Cronih
Genius 23969 punti

La droga e il cervello

Quando si dice "droga" ci si riferisce ad una serie di sostanza che hanno in comune il fatto di provocare effetti sul sistema nervoso e alterano l'equilibrio psico-fisico.
Questa definizione molto ampia, accomuna, una vasta gamma di sostanza che hanno effetti e rischi molto diversi.

Le droghe possono essere classificate in:

1. sedative: barbiturici, oppio, morfina, eroina.
2. inebrianti: alcol, etere.
3. allucinogeni: hascisch, marijuana, cannabis.
4. eccitanti: caffeina, nicotina, cocaina, crak.

Alcune droghe vengono usate senza un controllo da parte delle autorità sanitarie o giudiziarie: comprendono alcool, caffeina, nicotina. Altre vengono usate a scopo terapeutico, sotto controllo medico, come l'eroina, morfina e gli psicofarmaci. Altre ancora come la nicotina che rovinano soltanto il nostro corpo. Le droghe producono ben presto forme di tolleranza

e assuefazione, ciò significa che il fumatore dopo la prima volta che ha provato queste sostanze avrà bisogno di dosi più frequenti e più forti, diventando a tutti gli effetti tossicodipendente.

Vi sono due tipi di dipendenza: fisica e psichica.
Si ha dipendenza fisica quando l'organismo non riesce a stare senza la droga esterna alla quale si e adattato. La sua mancanza dalle droghe provoca sintomi acuti come, la sindrome di astinenza, che provoca depressione. La dipendenza psichica rimane anche dopo la disintossicazione dell'individuo drogato. Si manifesta nel desiderio acuto dello stupefacente sopratutto in momenti difficili o l'invito di qualche dose.

Registrati via email