Ominide 361 punti

Dieta del bambino nell'età prescolare e scolare

In questi anni la crescita del bambino continua, ma con un ritmo più lento rispetto ai primi 24 mesi di vita. Al termine del terzo anno, il bambino raggiunge circa il 50% della sua altezza da adulto. Un'alimentazione corretta dunque deve fornire un apporto di nutrienti tale da consentire un'adeguata crescita di statura e di peso e un ottimo sviluppo fisico e psichico del bambino.
Dopo i 4 anni, il fabbisogno energetico per chilogrammo di peso corporeo diminuisce, ma la quantità effettiva di energia necessaria aumenta man mano che il bambino cresce. Dai 5 anni all'adolescenza, c'è un periodo di crescita lenta, ma costante.
In questa fascia d'età, è particolarmente importante che la dieta, oltre ad assicurare un corretto apporto energetico, fornisca le giuste quantità di proteine, vitamine e sali minerali. I bambini, peraltro, a questa età sono in grado di condividere con la famiglia la maggior parte degli alimenti e devono essere incoraggiati a consumare quantità sufficienti di un'ampia varietà di cibi, alternando le fonti proteiche, senza mai trascurare la frutta e la verdura.

E' da ricordare che nella prima infanzia iniziano a strutturarsi i gusti e le abitudini alimentari che formeranno lo stile alimentare dell'età adulta, per cui avere corrette abitudini alimentari da parte di tutti i componenti della famiglia è fondamentale per indirizzare il bambino verso uno stile alimentare salutare.
Infine è importante promuovere un corretto stile di vita riducendo le occasioni di sedentarietà e potenziando l'attività fisica quotidiana, incentivando il bambino a giochi di movimento, preferibilmente all'aria aperta.

Hai bisogno di aiuto in Anatomia e Fisiologia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email