La regolazione delle attività metaboliche: il controllo della glicemia


Il controllo del metabolismo è fondamentale perché deve adattarsi alle attività metaboliche a causa delle mutevoli esigenze dell'organismo.
Il metabolismo cellulare però non è mai lo stesso in svariate condizioni. Infatti le richieste dell'organismo variano più volte soprattutto a causa dell'ambiente esterno non costante. E’ quindi necessario che cellule, tessuti e organi sappiano adattarsi velocemente alle diverse condizioni per far si che l'organismo funzioni a dovere. L'omeostasi è il mantenimento costante delle funzioni di un organismo. Esso può svolgere le proprie funzioni grazie ad alcune variabili che rimangono costanti nel tempo come per esempio la temperatura corporea, il pH nel sangue e la glicemia, ovvero il livello di zuccheri nel sangue. Molti stimoli esterni e interni possono modificare queste variabili, ma nel nostro corpo abbiamo sistemi che operano per mantenere costanti le variabili. Essi sono rappresentati dal sistema nervoso e dal sistema endocrino che operano insieme.

La glicemia è il più importante parametro ematochimico


La variabile più importante è la glicemia ovvero il livello di concentrazione di glucosio nel sangue. il livello di normalità di glicemia nel sangue va dai 65 ai 110 mg/dL.
-inferiore a 65 mg/dL: ipoglicemia. Sintomi: giramento di testa, senso di stordimento, difficoltà nel concentrarsi che sono un insufficiente apporto di glucosio al cervello
-inferiore ai 45 mg/dL: nessun apporto di glucosio al cervello, porta a coma e successivamente a morte
-tra 65 e 110 mg/dL: normalità
-superiore ai 110 mg/dL: iperglicemia
-superiore ai 126 mg/dL: diabete mellito. Alcune forme lievi si curano con somministrazione di insulina, quelle più gravi vanno trattate con approcci terapeutici diversi.
La glicemia è soggetta a un controllo omeostatico attraverso il meccanismo di feedback, che coinvolge pancreas e fegato. Le cellule del pancreas α e β sono i sensori delle variazioni glicemiche e sono conosciuti come "isole di Langerhans". Agiscono da regolatori, liberando gli ormoni glucagone e insulina che esercitano la loro azione sul fegato, l'effettore. Esso varia il proprio metabolismo in modo tale da ripristinare il corretto valore glicemico.
Hai bisogno di aiuto in Anatomia e Fisiologia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email