Ominide 13147 punti

Denti: tagliano, tritano e macinano i cibi solidi in modo che siano ridotti in parti più piccole per la deglutizione e affinchè il cibo abbia una superficie maggiore esposta all'azione degli enzimi.
Ghiandole salivari: producono saliva, formata per il 99% da acqua a cui si aggiungono mucina, ioni cloruro, ioni carbonato e fosfato, lisozima e amilasi salivare.
Lingua: mescola il cibo con la saliva, lo sposta per la masticazione e lo appallottola in un bolo per la deglutazione.
Diaframma: è uno strato muscolare che separa il torace dall'addome.
Fegato: organo accessorio che produce la bile e la accumula nella cistifelia.
Dotto biliare: trasporta la bile dalla cistifelia al duodeno.
Pancreas: organo accessorio che produce una vasta gamma di secrezioni digestive oltre a ormoni.
Duodeno: forma i primi 25 cm dell'intestino tenue. Riceve le secrezioni pancreatiche e la bile e produce un muco alcalino per la protezione, la lubrificazione e la neutralizzazione del chimo.

Ileo: lungo fino a 6 m, è la principale sede di assorbimento dei prodotti solubili della digestione. L'ultimo tratto dell'intestino tenue è chiamato digiugno, anch'esso deputato all'assorbimento delle sostanze nutritive.
Appendice: priva di funzioni nell'essere umano, è una struttura vestigiale del cieco presente in altri mammiferi.
Sfintere anale: regola l'emissione delle feci.
Retto: immagazzina le feci prima dell'eliminazione.
Colon: insieme al cieco e al retto, fa parte dell'intestino crasso. Assorbe l'acqua dalle feci. Alcune vitamine del gruppo B e la vitamina K sono sintetizzate dai batteri che lo colonizzano. Nel tratto terminale dei colori si formano le feci che vengono lubrificate dal muco.
Piloro: Sfintere che si apre per permettere il passaggio del chimo nel duodeno e che si chiude per prevenirne il reflusso verso lo stomaco.
Stomaco: sacco muscolare estensibile che consente di immagazzinare una grande quantità di cibo. E' foderato da una mucosa con numerose fosse ghiandolari che secernono succhi gastrici. Tre strati muscolari, compreso uno orientato obliquamente, smuovono il contenuto gastrico per garantirne il rimescolamento e quindi il trasferimento del chimo nel duodeno.
Cardias: consente l'ingresso del cibo nello stomaco e ne impedisce il reflusso nell'esofago.
Esofago: tubo muscolare, in posizione dorsale rispetto alla trachea, che collega la bocca allo stomaco. I muscoli generano onde peristaliche che spingono il bolo alimentare verso il basso, mentre le ghiandole lubrificano il bolo con muco. I cibi semisolidi arrivano allo stomaco in 4-8 secondi, quelli molto morbidi e i liquidi in un solo secondo.
Epiglottide: struttura muscolare che chiude in un modo riflesso la trachea durante la deglutizione per evitare che il cibo entri nell'albero respiratorio.
Ugola: estensione del palato molle che separa la cavità nasale dalla faringe.

Hai bisogno di aiuto in Anatomia e Fisiologia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email