Ominide 260 punti

anatomia del cuore umano

Come sappiamo il cuore è formato da quattro cavità: due atri e due ventricoli e sono separati dal setto. Il cuore presenta inoltre quattro valvole unidirezionali che sono:
1) La valvola tricuspide situata tra l’atrio e il ventricolo destro;
2) La valvola mitrale situata tra l’atrio e il ventricolo sinistro
3) Valvole semilunari, situate tra il ventricolo sinistro e l’aorta (valvola aortica) e tra ventricolo e arteria polmonare (valvola polmonare)
Le valvole cardiache impediscono il reflusso del sangue, cruciale per l’efficienza cardiaca.
La parete è costituita da tre strati:
1) L’endocardio è il sottile strato epiteliale che riveste le cavità interne e forma le valvole;
2) Il miocardio è lo strato muscolare, forma la struttura vera e propria della parete ed è rinforzato internamente da uno strato di connettivo fibroso denso;

3) L’epicardio è una sottile membrana sierosa che riveste esternamente il cuore
Esternamente all’epicardio si trova un’altra membrana sierosa che collega il cuore allo sterno e al diaframma, mantenendolo in posizione nel torace. L’epicardio e la membrana sierosa esterna insieme costituiscono il pericardio. Tra queste membrane c’è un sottile strato di liquido che funziona da lubrificante. Le pareti inoltre pur avendo sempre la medesima struttura in ogni parte del cuore hanno diverso spessore.
Se il cuore venisse attaccato da un tumore, nel nostro caso il cuore sarebbe il civico di Palermo e il cancro il dottore Marcelletti, una volta asportato il cancro il cuore dovrebbe continuare senza problemi il proprio lavoro, oppure se una valvola del cuore viene danneggiata una volta operata e prese tutte le misure di sicurezza utilizzando le biotecnologie per eventuali rigetti il cuore dovrebbe continuare il suo lavoro biologico senza ostacoli.

Registrati via email