Innanzitutto si specifica che USB sta per Universal Serial Bus. E' una interfaccia che consente la comunicazione tra una periferica DTE (per esempio computer) e una periferica DCE (per esempio modem).
Il cavo USB è costituito da 4 connettori o fili:
- il primo, quello rosso, è per l'alimentazione; di solito l'alimentazione è costituita da +5V;
- il secondo, quello bianco, serve per la trasmissione dati;
- il terzo, quello verde, serve anch'esso per la trasmissione dati.
Quindi le informazioni viaggiano attraverso il secondo e il terzo cavo; con la versione USB 2.0 si possono inviare dati fino ad una velocita di 480 Mbit/sec.
- il quarto, quello nero, è per la massa comune o GND (di solito ha potenziale zero).
Il sistema USB è asimmetrico, cioè consiste in un singolo gestore e molte periferiche collegate da una struttura simile ad un albero attraverso dei dispositivi chiamati hub (concentratori).

Può supportare fino ad un massimo di 127 periferiche per gestore.
E' importante sapere che la lunghezza massima che può avere il cavo senza che il segnale diventi troppo debole è pari a 5m; oltre questo limite è necessario ricorrere ad uno o più hub attivi che amplifichino il segnale.
Grazie alle Hub, è possibile espandere una singola porta USB; se per esempio si hanno solo due porte USB, si possono espandere, comprando un Hub a 4 connettori.
Le versione USB sono: 1.0, 1.1 e 2.0.

Registrati via email