Yaschin di Yaschin
Habilis 1770 punti

Il mulino

Il mulino è un sistema che utilizza una fonte di energia per compiere vari tipi di lavori: macinare, frantumare, pressare e schiacciare. Per estensione il nome di mulino è attribuito comunemente anche all'edificio dove queste varie attività sono esplicate.
Per molti secoli la maggior parte del lavoro meccanico è stato svolto dai mulini ad acqua (v. turbina idraulica) e dai mulini a vento (v. energia eolica). I primi tipi di mulino erano dispositivi manovrati manualmente per macinare cereali, come la macina a mano, che consisteva in una pietra posta superiormente e che una manovella faceva girare entro una pietra inferiore, contenente il cereale, che veniva così macinato. Anche se la forza muscolare dell'uomo continuò a essere utilizzata per azionare i mulini a ruota, ben presto per i frantoi e i mulini dei cereali di maggiori dimensioni si cominciarono a impiegare gli animali da tiro. Il mulino ad acqua, funzionante per mezzo di una ruota orizzontale, venne usato per la prima volta in Occidente probabilmente dai Greci. Il primo mulino ad acqua efficiente venne tuttavia costruito dai Romani. La ruota dei Romani era verticale e utilizzava un sistema sofisticato di ingranaggi per trasmettere il moto della ruota a una macina che si muoveva su un piano orizzontale; cambiando il diametro delle ruote degli ingranaggi si variava la velocità di rotazione della macina.

Dall'epoca romana e per ben oltre un millennio i mulini ad acqua furono la principale fonte di energia per macinare in Europa. La realizzazione di efficaci mulini a vento si ebbe più tardi, e questi raggiunsero il loro maggiore sviluppo solo dopo il sec. XV. La tecnologia dei mulini a vento divenne incredibilmente complessa, e questi sistemi vennero utilizzati non solo per macinare, ma anche per segare il legno, ventilare le miniere e pompare l'acqua. Gli olandesi furono maestri della tecnica di progettare e costruire i mulini a vento, e i costruttori olandesi di mulini erano ricercati come esperti ingegneri, soprattutto per progetti su vasta scala come il drenaggio di terreni paludosi, in cui i mulini a vento azionavano le pompe.
Nel 1784 la Albion Mills, un'associazione di mugnai di Londra, cominciò a impiegare l'energia ricavata dal vapore per azionare i suoi mulini. Entro il secolo successivo la macchina a vapore trasformò il paesaggio dell'Europa, poiché le migliaia di mulini a vento e ad acqua, che avevano fornito la maggior parte dell'energia utilizzata nel vecchio continente, caddero gradualmente in disuso e vennero smantellati. Nella prima metà dell'Ottocento, ad esempio, in Olanda erano in attività più di 9000 mulini a vento; entro il 1900 questo numero si era ridotto a 2000. I 900 mulini che sopravvivono oggi sono stati conservati principalmente come testimonianze storiche. I nuovi stabilimenti funzionanti a vapore erano totalmente diversi dai vecchi edifici, con i loro macchinari e i loro dispositivi ausiliari; sono tuttavia sopravvissuti gli antichi termini del linguaggio, per cui questi edifici sono ancora chiamati mulini.

Registrati via email