Ominide 1350 punti

TIPI DI VULCANI

Sei tipi esistono:
Vulcani a scudo: ossia quelli che caratterizzano le isole hawaiane: vulcani di gigantesche dimensioni che appaiono come un cono molto appiattito i cui fianchi poco ripidi. Il carattere è molto ampio e le eruzioni sono spettacolari fontane di lava [eruzioni effusive] Mauna 9000 metri in tutto. La lava è molto fluida e povera di silice.
Stratovulcani: ossia i vulcani a noi piu familiari, costituiti da un edificio di forma conica con versanti abbastanza ripidi formati da lave e materiali piroclastici di precedenti eruzioni. Magma meno fluido e sono i vulcani italiani o il fujijama giapponese.
Coni di ceneri e scorie: edifici formati dall’accumulo di soli materiali piroclastici e lave, dimensioni modeste con versanti molti ripidi.
Duomi endogeni: caratterizzati da magmi acidi e molto viscosi. La lava solidifica prima ancora di uscire dal condotto di emissione formando così cupole di ristagno o guglie di lava.
Caldere: quando l’attività effusiva prolungata provoca lo svuotamento anke parziale della camera magmatica a causa di una trp diferenza di pressione interna e esterna si ha un improvviso collasso dell’edificio vulcanico verso il basso formandosi grandi depressioni, che formano col passare dei secoli e grz alla pioggia i laghi (i laghi italiani).
Diatremi: simili a quelli sopra descritti

ERUZIONI LINEARI

Questo tipo di eruzioni avvengono quando la lava fuoriesce da canali molto allungati e stretti cosicchè il materiale eruttato non porta alla formazione di un cono ma si espande coprendo anche grandi distanze. [le eruzioni dei vulcani islandesi].

Manifestazioni minori dell’attività vulcanica:
Le emissioni di gas e vapore acqueo da parte dei vulcani è detta fumarola che si libera dal cratere del vulcano o da fessure nel suolo. L’emissione massima di qst fumarole è subito prima e dopo l’eruzione. Esse sono caldissime e fatte di acqua gassosa e biossido di carbonio.
Nei vulcani in cui l’attività vulcanica si sta esaurendo le fumarole sono meno calde e contengono spesso acido solfidrico che a contatto con l’aria si ossida precipitando zolfo giallo che incrosta la zona circostante formando le cosiddette solfatare. Mofete invece sono le fumarole composte da biossido di carbonio. Infine i Geyser sono getti intermittenti ad intervalli regolari di acqua bollente mista e vapore acqueo sottopressione .

Registrati via email