Genius 4929 punti

I dodici ordini della USDA Soil Taxonomy (1999)

Nel 1975, il Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti elabora un sistema di classificazione dei suoli: la USDA Soil Taxonomy. Nel 1999 questa viene aggiornata con l'introduzione di dodici ordini così definiti e abbreviati:

1. Gelisols (- el): dal latino gelidus, gelido. Sono i suoli che presentano permafrost entro 100 cm di profondità oppure materiali gelici* entro 100 cm e permafrost entro 200 cm di profondità.

* I materiali gelici sono prodotti minerali o organici della pedogenesi che mostrano evidenze di crioturbazioni e/o segregazione di ghiaccio nello strato attivo (con disgelo stagionale) e/o nella parte superiore del permafrost.

2. Histosols (- ist): dal greco històs, tessuto. Si tratta di suoli composti da materiali organici a diverso grado di decomposizione, saturi d’acqua per almeno 30 gg/anno (nell’anno meteorologico normale).

3. Spodosols (- od): dal greco spodòs, cenere di legna. Sono suoli acidi con orizzonte diagnostico spodico (orizzonte B, a complessi Al-Fe-humus e argille paracristalline), sottostante ad un orizzonte diagnostico albico (orizzonte E, decolorato, sabbioso limoso).
4. Andisols (- and): dal giapponese an-do, suolo scuro. Suoli a proprietà andiche, consistenti in significative quantità di allofane, imogolite, ferridrite o di complessi Al-humus.
5. Oxisols (- ox) dal greco oksüs, acido. Sono suoli delle basse latitudini, profondamente alterati, ad orizzonte diagnostico oxico (orizzonte B a tessitura fine, bassa CSC, basso contenuto in minerali alterabili*).

*Sono considerati minerali alterabili: le argille 2:1, la clorite, gli allofani, il serpentino, i feldspati, i feldspatoidi, i silicati ferromagnesiaci, il vetro vulcanico, la dolomite, la apatite, ecc.


6. Vertisols (- ert): dal latino vértere, rivoltare. Suoli contenenti almeno il 30% di argilla, con fessure larghe e profonde periodicamente aperte, slickensides e facce di pressione*.

* Sono dette slickensides le facce degli aggregati lisce e striate, prodotte dallo scivolamento reciproco di masse di suolo. Le pressioni interne da contrazione e dilatazione producono le facce di pressione. Entrambi i tratti sono dovuti ad abbondante contenuto in smectiti, fortemente dilatabili quando umide.

7. Aridisols (- id): dal latino aridus, arido. Suoli a regime di umidità aridico, ma saturi d’acqua per almeno 30 gg/anno, con orizzonte B ad accumulazione di argilla e sali.
8. Ultisols (- ult): dal latino ultimus, estremo. Suoli ad orizzonte diagnostico argillico o kandico, con TSB <35%.

9. Mollisols (- oll): dal latino mollis, soffice. Sono suoli ad epipedon mollico, con TSB almeno del 50% lungo tutto il profilo.
10. Alfisols (- alf): suoli con orizzonte argillico o kandico o natrico oppure un fragipan con pellicole di argilla, e TSB almeno del 35%.
11. Inceptisols (- ept): dal latino incipere, iniziare. Si tratta di suoli moderatamente evoluti, con comune sequenza di orizzonti diagnostici: A ocrico soprastante B cambico.
12. Entisols (- ent): suoli a basso sviluppo pedogenetico, che non rientrano in nessuno di precedenti Ordini.

Registrati via email