Gli strumenti di misura

Ogni strumento di misura è caratterizzato da alcune caratteristiche fondamentali dette specifiche, tipiche di quello strumento e quindi relative al tipo di misura per cui è costruito.
Ci sono, però, alcuni parametri fondamentali che più frequentemente intervengono nel definire le proprietà di uno strumento e sono: portata, precisione, sensibilità, potere di risoluzione, stabilità e frequenza.
- portata: la portata di uno strumento è il valore massimo della grandezza che si può misurare con quello strumento. Generalmente gli strumenti sono provvisti di scale a più portate, in questo modo è possibile evitare lettura all'inizio della scala, che presentano elevati errori relativi.
- precisione: la precisione indica di quanto il valore vero può differire, al massimo, del valore misurato.
- sensibilità: si definisce sensibilità di uno strumento il rapporto tra la variazione dell'indicazione data dello strumento e la variazione della grandezza che ha determinato quella variazione di indicazione. Uno strumento è quindi più sensibile di un altro se, a parità di variazioni di grandezza, ha maggiore variazione di indicazione.
- potere di risoluzione: il potere di risoluzione è la minima variazione della grandezza applicata all'ingresso che dà una variazione rilevabile di indicazione sullo strumento.
- frequenza: le caratteristiche dei componenti cha fanno parte di uno strumento hanno un comportamento che dipende dalla frequenza; una specifica importante è quindi l'intervallo di frequenza in cui lo strumento dà indicazioni attendibili.

Registrati via email