Il motore passo passo è un attuatore che, pilotato da segnali elettrici digitali, ruota di un angolo fisso, chiamato passo, ad ogni commutazione dei segnali di comando.
Nel suo ciclo operativo può trovarsi in tre condizioni diverse: disattivato, attivato ma fermo, in rotazione.
Esso è estremamente versatile e preciso ed ha il grosso vantaggio di poter essere usato in sistemi di controllo ad anello aperto, cioè senza anello di reazione.
Un altro vantaggio rispetto al motore in corrente continua, consiste nella maggior robustezza, non avendo parti soggette ad usura come le spazzole.
Gli svantaggi sono costituiti dalla maggior complessità dei circuiti di azionamento e da un rapporto potenza/volume più sfavorevole.
I motori passo-passo sono molto usati nelle periferiche degli elaboratori e nell'azionamento dei robot.
Costruttivamente si suddividono in motori a magnete permanente, a riluttanza variabile, e ibridi.

Il tipo di motore più usato è quello a magnete permanente. L'ibrido, che generalmente viene preferito a quello di riluttanza variabile, viene usato quando si richiedono elevate prestazioni.
I valori più comuni del passo di rotazione sono 1,8°, 3,6°, 7,5°, 9°, 15°.
La frequenza dei passi può raggiungere valori elevati, anche oltre gli 800 passi al secondo, ed arrivare in certi motori fino a 2000 passi per secondo.

Registrati via email