Genius 7419 punti

GIUSEPPE: accumminciamme n’ata mattinata.
maria: peppì, tu che dici, è maschio?
GIUSEPPE: ma allora non hai capito niente?!? nientedimeno due ore l’angelo ti ha spiegato stu fatto, e tu stai ancora in dubbio? addà nascere gesù cristo! per forza adda essere maschio!
MARIA: peppì, secondo te a chi assumiglia ‘sta creatura a me o a te. io vulesse ca somigliasse a tutte e duie.
GIUSEPPE: marì nun te fa sti pensieri, a chi assumiglia assumiglia.
MARIA: adda crescere bello e sano, adda fa e servizi a mammà, adda ì a scuola, poi adda faticà…
GIUSEPPE: ma allora lo vuoi mettere in croce stu creature
MARIA: peppì, e si so due gemelli?
GIUSEPPE: n’ata vota mo’! marì adda nascere uno creaturo, uno!
MARIA: peppì, sto vedennne e stelle
GIUSEPPE: lo so, lo so, chilo ‘o dolore è forte
MARIA: no, sto vedendo a stella ca sta guidanne e re magi.

GIUSEPPE: e re megi!!! e che vanno truvanne mò?
I MAGIO: pace a te, salvatore del mondo…
II MAGIO: il signore sia con voi…
GIUSEPPE: veramente non lo conosco
II MAGIO: il signore sia con voi…
GIUSEPPE: ah, io avevo capito il signore sta con voi, veramente non si è presentato nessuno, comunque.
III MAGIO: noi siamo i re magi e voi?
GIUSEPPE: noi siamo… e 14 giugno…
I MAGIO: mio fratello intendeva dire i re magi. e siamo venuti a lodare colui che salverà il mondo
GIUSEPPE: si, questo salverà il mondo, ma non ci salva da è mazzate da signora affianco… stanne rummenne e creature! voi facite ‘sti strille e pazze…
II MAGIO: ma così dicono le sacre scritture
GIUSEPPE: si ma le sacre scritture hanno scritto quello che dovete dire, mica vi hanno dato l’intonazione? comunque, mò che volete?
III MAGIO: (a bassa voce) siamo venuti a lodare il signore
GIUSEPPE: come avete detto?
III MAGIO: (a bassa voce) siamo venuti a lodare il signore
GIUSEPPE: si, ma aizate a voce
III MAGIO: ma vuie avite detto di abbassare la voce
GIUSEPPE: si ma vuie o alluccate o nun facite sentì niente
III MAGIO: siamo venuti a lodare il signore
GIUSEPPE: ah, ancora deve nascere!
I MAGIO: come ancora deve nascere? e noi adesso che facciamo?
GIUSEPPE: e io che vi devo dire… affittateve nu’ cammello e faciteve nu giro panoramico pe’ betlemme…
II MAGIO: a proposito di cammelli… ma io non vedo il bue e l’asinello. che fine hanno fatto?
GIUSEPPE: li abbiamo mangiati!
MAGI: li avete mangiati?!?
GIUSEPPE: teneveme famme e li abbiamo mangiati!
II MAGIO: ma le scre scritture non dicono ciò…
GIUSEPPE: sentite, però ma stu fatto, ma nelle sacre scritture pe caso ci stava scritto che dovevamo morire di fame? no! e allora se li abbiamo mangiati era solo per continuare ciò che stava scritto nelle sacre scritture! se noi morivamo di fame vuie venivate e vi mettevate a parlare con il bue e l’asinello?
I MAGIO: avete ragione, ma le sacre scritture però…
GIUSEPPE: (interrompendolo) e dalle cu ‘sti sacre scritture! n’goppe e sacre scritture ci stava scritto ca venivano nu sacco di persone per lodare il bambino, no l’ispettore derrik, kojak e colombo…. e poi non dovevate portare i doni? io non vedo niente, nemmeno nu chilo e zucchero e cafè, niente proprio e che schifezza!
II MAGIO: abbi fede giuseppe, il signore è con te…
GIUSEPPE: che poi l’angelo aveva detto partorirai in una caverna; ma mon mi aveva detto che dovevo pagare io l’acqua, la luce, il gas… e a questo punto me ne annate dentro una clinica… e abbiate pazienza
III MAGIO: stai calmo giuseppe, il signore è con te…
GIUSEPPE: ma pure sto fatto di il signore è con te. ca vene nu sacco e gente ca dice: “il signore è con te”, “il signore è con te”, ma dico io stu signore nun tene niente che fa’, per forza dinto a casa mia adda sta’, e nu poco di vita privata uno nun a po’ tenè… e tengo pure ‘na mugliera ca sta partorenno santa pazienza!
MARIA: peppì, ma calmati nun fa accussì
I MAGIO: giuseppe e maria, il bambino è in pericolo!
II MAGIO: si, un certo re erode cerca il bambino per ucciderlo perché ha saputo che il bambino sarà il re dei re.
MARIA: uh mamma mia peppì mettiamo in salvo il bambino
GIUSEPPE: calma, calma… e come si deve fare adesso?
MARIA: povero figlio mio ci pensi peppì lo volevamo crescere con tanto amore e dedizione. tu lo davi a mangiare, tu lo vestivi, tu lo accudivi, lavoravi per lui…
GIUSEPPE: e io aggià passà stu guaio, ma lo vado a chiammà stesso io a stu erode!
I MAGIO: giuseppe…
II MAGIO: …porta il bambino…
III MAGIO: …via da qui!
GIUSEPPE: come avite ditto?
I MAGIO: giuseppe…
II MAGIO: …porta il bambino…
III MAGIO: …via da qui!
GIUSEPPE: ne, ma siete sicuri ca site e re magi?
I MAGIO: si, perché?
GIUSEPPE: vuie parite ca site asciute a ngoppe o topolino, parite qui, quo, qua…. dicite ‘na parola apperona.

Hai bisogno di aiuto in Cinema?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email