Ominide 50 punti

Spettri stellari

Grazie agli spettri stellari noi siamo in grado di capire quali sono gli elementi che compongono le stelle. Le basi dell'analisi spettrale sono :
1) un corpo incandescente,solido o liquido o gassoso , ad alta pressione presenta uno spettro continuo.
2) un gas incandescente, ma a bassa pressione produce uno spettro discontinuo, formato da una serie di brillanti righe di emissione corrispondenti a varie lunghezze d'onda ; ogni elemento chimico presenta alcune righe di emissione che gli sono caratteristiche.
3)se la luce proveniente da un corpo che emette uno spattro continuo attraversa un gas a bassa pressione, questo sottrae alcune lunghezze d'onda.
si produce così uno spettro continuo interrotto da righe oscure (righe di assorbimento)che corrispondono alle lunghezze d'onda delle righe luminose che quello stesso gas emetterebbe in stato di eccitazione.

Gli spettri sono una specie di impronte digitali dai vari elementi chimici. Il tipo spettrale dipende dalla temperatura del corpo emittente , le stelle non hanno tutte la stessa temperatura , infatti all'aumentare della temperatura diminuisce la lunghezza d'onda delle radiazioni luminose che esso emette in prevalenza : si passa quindi dal rosso al blu .

Le diverse temperature di stelle si traducono in differenti tipi spettrali.
Le stelle vengono classificate secondo una serie di classi spettrali ordinate in funzione della temperatura :
O B A F G K M . queste classi vengono ricordate con la frase o b ei find girl kiss me. dagli spettri stellari si ricava che le stelle sono composte per il 50-70% da H , il 45-20% da He e il resto da tutti gli elementi chimici.

Registrati via email