Habilis 1050 punti

Il sistema Terra-luna

La Terra possiede un solo satellite naturale: la Luna. La sue origine viene attribuita all’impatto gigante avvenuto durante il periodo della formazione del sistema solare. Un corpo di grandi dimensioni si sarebbe scontrato con la Terra causando l’espulsione da entrambe le parti di grandi quantità di rocce. Parte dei detriti sarebbe subito entrata in orbita intorno alla Terra e aggregata, dando così origine alla Luna.
Il diametro della Luna è di 3475 km cioè un quarto rispetto a quello terrestre. La densità è superiore a quella dell’acqua e a quella terrestre. L’attrazione gravitazionale è invece inferiore.
Sulla Luna non c’è né atmosfera né acqua perciò tutti gli agenti atmosferici, i fenomeni di erosione, eruzioni vulcaniche, terremoti e altro, sono totalmente assenti. La Luna, non essendo protetta da atmosfera, viene attaccata da un altro tipo di erosione dovuta ai micro meteoriti (piccoli corpi rocciosi), che la bombardano levigano la sua superficie. La superficie lunare è stata modellata da antichi attacchi vulcanici cessati quasi tre miliardi di anni fa.
Sulla superficie lunare ci sono tantissimi crateri all’interno dei quali ne troviamo altri di grandi dimensioni formati dall’impatto di meteoroidi molto più piccoli. Il materiale espulso dopo l’impatto dei meteoroidi( ejecta), forma un bordo anulare. Tutte le regioni che dalla Terra sembrano più chiare sono chiamate continenti o regioni, quelle che invece sembrano più scure, sono chiamate mari e sono regioni pianeggianti.
i continenti si formarono per primi e occupano la maggior parte della superficie e sono formati da molti crateri sovrapposti.
I mari costituiscono solo il 16% del paesaggio lunare e si concentrano sul lato rivolto alla Terra. La loro formazione è dovuta all’impatto di grossi asteroidi. Si formarono crateri dai quali fuoriuscì magma che poi si solidificò. Sia i mari che i continenti sono ricoperti da uno strato grigio e polveroso di residui e detriti di miliardi di anni fa, dovuto ai vari bombardamenti da parte dei meteoriti. Questo strato si chiama regolite lunare ed è formato da breccia, frammenti vetrosi, rocce e polvere lunare molto fine.
Il sistema Terra-Luna: un sistema in movimento

La Luna compie :
- Un moto di rivoluzione antiorario attorno alla Terra di circa un mese.
- Un moto di rotazione attorno al proprio asse di un mese.
- Un moto di traslazione in cui accompagna la Terra nel suo moto di rivoluzione attorno al Sole.
Questi movimenti modificano le posizioni di Sole, Terra e Luna con la conseguenza di alcuni fenomeni come fasi lunari e eclissi.

- Le fasi lunari.
Nell’arco di un mese è possibile osservare la superficie della Luna illuminata dal sole in determinate fasi.
La prima fase detta Luna nuova, il disco lunare non è visibile.
Man mano poi abbiamo la Luna crescente, il primo quarto, Luna piena, per poi tornare alla Luna calante, al terzo quarto(semicerchio) e man mano tenderà di nuovo a scomparire.

Le fasi lunari quindi sono una delle conseguenze dei movimenti della Luna.
La Luna è sempre in movimento ma, per un osservatore dalla Terra, la percentuale dell’illuminazione della Luna cambia in base alla sua posizione(della luna) in quel momento.
Quando la Luna si trova tra Sole e Terra( in congiunzione), questa ci mostra il suo lato oscuro.
Quando invece si troverà dal lato opposto al Sole( in opposizione)avremo la luna piena.
- Il mese sinodico e il mese siderale
Le Fasi lunari si compiono in circa 29 giorni e mezzo. Questo intervallo di tempo è detto mese sinodico, ed è proprio su questo che si basava il primo calendario romano.
Questo però è il periodo di rivoluzione apparente in quando la Luna compie esattamente 27 giorni per il suo moto di rivoluzione.
Questo si spiega in quanto, mentre la Luna compie il suo moto, con la Terra ne compie un altro attorno al Sole, e, una volta completato questa, dovrà tornare al punto di partenza impiegando altri 2 giorni.
Inoltre, dato che la Luna impiega lo stesso tempo impiegato nel suo moto di rivoluzione per quello di rotazione, la sua faccia visibile sarà sempre la stessa, ed inoltre ci saranno alternate due settimane di buio e due di luce.

- Le eclissi
Quando la Luna è in congiunzione con il Sole rispetto alla Terra,(solo durante la fase di luna nuova), questa può proiettare sulla Terra un’ombra provocando così un'eclissi di sole.
Viceversa in fase di luna piena, se questa si spinge nel cono d’ombra della Terra , può provocare l’eclissi di Luna.
Questo accadrebbe praticamente ogni luna piena e ogni luna nuova se la luna non fosse inclinata di 5° rispetto al piano dell’eclittica.
Quindi le eclissi lunari o solari avvengono solo quando l’orbita della luna interseca il piano dell’eclittica.
- L’eclissi totali e parziali
Durante un’eclissi totale di luna, possiamo osservare l’ombra circolare della terra che si sposta lentamente verso la luna fino a quando questa è totalmente immersa nel cono d’ombra diventando un disco color rame.
Nelle eclissi totali di sole, è la luna che proietta sulla terra un cono d’ombra il cui diametro misura massimo 275 km. La luna ricopre il sole e il cielo si oscura.
Le eclissi totali di sole sono quindi visibili solo se ci si trova nella zona del cono d’ombra. Chi si trova in zona di penombra osserva solo un’eclissi parziale . la prossima eclissi totale in Italia ci sarà il 3 settembre del 2081.

Registrati via email