Ominide 116 punti

L'Universo

Storia e teorie.
L’Universo è tutto ciò che è materia ed energia nello spazio. La scienza che da migliaia di anni lo studia è l’astronomia, la scienza più antica. Ha origine circa 6000 anni fa e le conoscenze acquisite venivano espresse anche attraverso l’arte. Già nel Neolitico, in Inghilterra vennero disposti dolmen e menir a formare il circolo di pietre di Stonehenge, che allineato al sole e alle stelle, secondo alcuni studiosi serviva da gigantesco calendario. 3000 anni dopo gli Egizi, costruendo le tre piramidi di Giza, disposero i quattro lati di ciascuna verso i quattro punti cardinali. Sicuramente una delle civiltà più attente alle scienze fu quella Greca. Aristotele già 300 anni prima della nascita di Cristo era convinto che tutto l’Universo era governato da leggi fisiche. Il potere della Chiesa, nel corso dei secoli aumentò fino a formare uno stato che padroneggiava quasi tutta l’Italia. Quando, durante l’età barocca e illuministica, ci fu la rivoluzione scientifica, gli scienziati vennero perseguitati. Tra loro anche alcuni importantissimi come Copernico, Newton e Galileo. Sulle scoperte di quest’ultimo si fonda la moderna astronomia, che ha portato all’osservazione delle galassie e alla conclusione che si stanno allontanando sempre di più le une dalle altre. Grazie a questa osservazione si è giunti alla teoria del Big- Bang, secondo la quale l’universo si formò da una grande esplosione. Sulla teoria che tutto in natura ha un opposto, nel 1930 Paul Dirac ipotizzo per primo l’esistenza dell’antimateria e il suo contributo alla formazione dell’Universo. Secondo molti studiosi l’esistenza dell’antimateria è la chiave per capire perché è avvenuto il Big- Bang. Queste teorie sono fondate sul processo di annichilazione. In origine , del Big- Bang esistevano solo particelle; ad ogni particella corrispondeva un’antiparticella, uguali ma di carica opposta, e se venivano a contatto esplodevano (annichilazione). Alcuni sostengono che l’antimateria era in numero inferiore, anche se di pochissimo, rispetto alla materia, così quando avvenne l’annichilazione rimase una piccolissima quantità di materia che formò nel corso del tempo l’Universo. Altri ipotizzarono che il numero di particelle e antiparticelle era equilibrato e quindi nel cosmo vi sono ancora particelle di antimateria e che magari formano delle galassie la cui carica di ogni piccola particella è opposta alla nostra. In ogni galassia ci sono molte stelle per questo è possibile che esistano altre forme di vita nell’Universo, ma non solo: lo statunitense Drake, studiando la Via Lattea, seguì un processo, moltiplicò le percentuali ottenute e giunse all’ipotesi che l’umanità potrebbe comunicare con 900 civiltà aliene, abitanti come noi la Via Lattea.

Registrati via email