Ominide 50 punti

I moti secondari della Terra

Osservando il moto apparente del sole anno dopo anno, si ha la sensazione che la rivoluzione della Terra si mantenga costante anno dopo anno. In realtà anche la rotazione e la rivoluzione della Terra subiscono lievi mutamenti a distanza di parecchi anni, che prendono il nome di moti millenari.
•Moto doppio conico dell’asse: la Terra non ha la forma di una sfera perfetta, ma presenta un rigonfiamento lungo i poli; su tale rigonfiamento esercitano una notevole forza di attrazione sole e luna che tendono a raddrizzare l’asse di rotazione; a tale forza si oppone la forza centrifuga generata dal moto di rotazione della Terra. Il risultato è un movimento retrogrado dell’asse, che ruota descrivendo due coni, i cui vertici coincidono nel centro della Terra. Tale moto si compie ogni 26000 anni e provocherà la variazione del nord celeste, che non sarà più indicato dalla Stella Polare, ma dalla Stella Vega, per poi ritornare nuovamente sulla Stella Polare dopo altri 26000 anni.

•Precessione degli equinozi: il moto doppio conico dell’asse provoca la precessione degli equinozi, cioè essi anticipano ogni anno di 20 minuti. Ciò accade perché i punti di equinozio, ottenuti dall’intersezione del piano equatoriale con l’Eclittica, scorrono in senso contrario rispetto al verso di rivoluzione, con un movimento di circa 50’’ (primi) d’arco all’anno. Perciò la Terra si ritrova nella stessa posizione all’equinozio dopo aver compiuto un percorso di 359° 50’. Di conseguenza si potrà distinguere in anno sidereo, calcolato come due passaggi consecutivi del sole nella stessa posizione dello zodiaco, che dura 365d 6h 9min 9.5s, e anno solare, calcolato come intervallo tra due successivi equinozi, che dura 365d 5h 48min 46s, appunto 20 minuti in meno.
•Nutazioni: sono oscillazioni regolari dell’asse che si verificano ogni 18.6 anni a causa di periodiche variazioni della distanza Terra-Sole e Terra-Luna.
•Spostamento della linea degli apsidi: è causato dall’attrazione gravitazionale che gli altri pianeti esercitano sul moto di rivoluzione della Terra.
•Variazioni dell’eccentricità dell’orbita
•Variazione dell’inclinazione dell’asse terrestre, che oscilla, assumendo inclinazioni diverse.

Registrati via email