Erectus 2173 punti

Cicli orogenetici


L'attività tettonica si manifesta principalmente durante le orogenesi, cioè durante la formazione delle catene montuose.
Secondo la teoria della tettonica delle zolle, l’orogenesi è un insieme di processi di deformazione e dislocazione di grandi masse rocciose, accompagnati da fenomeni magmatici e metamorfici; e innescati dalle forze tettoniche che agiscono lungo i margini di convergenza, causando corrugamenti e innalzamenti dei sedimenti e delle rocce della crosta.
Secondo la teoria della tettonica delle zolle, gli orògeni possono formarsi in due modi differenti:
-per subduzione di una zolla oceanica sotto una zolla continentale (come nel caso delle Ande); in questi casi la catena montuosa risulta formata prevalentemente da rocce magmatiche intrusive ed effusive, prodotti della solidificazione del magma, che deriva dalla fusione della placca oceanica in subduzione; le rocce sedimentarie, piegate e metamorfosate, sono scarse e localizzate lungo il bordo del continente;
-per collisione tra due margini di zolle continentali (come nel caso della catena alpino-himalayana); in questi casi non avviene una vera subduzione, ma i margini vengono compressi e uno scivola sull’altro. La catena montuosa risulta formata principalmente da rocce sedimentarie e del basamento oceanico, piegate, fagliate e metamorfosate, mescolate caoticamente con rocce magmatiche. Si osservano pieghe e falde di ricoprimento. Secondo studi recenti l’orogenensi può avvenire anche mediante un terzo meccanismo, detto accrescimento crostale
Hai bisogno di aiuto in Geografia astronomica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email