Ominide 1603 punti

Riti religiosi

In ogni forma di vita religiosa – dalle primitive alle più evolute – esistono gesti e riti che indicano il rapporto dell’essere umano con Dio.

Oriente:
Nelle religioni orientali i riti raggiungono forse la varietà maggiore in confronto alle altre religioni (abluzioni, inchini, mani, giunte, preghiere…).
Sono oggetto di trasmissioni televisive, ad esempio, i pellegrinaggi ai più celebri santuari delle divinità, i gesti nei templi sacri, le immersioni nel Gange.

Islam:
Nel mondo islamico destano ammirazione gli inchini e le invocazioni verso la Mecca, fatti negli orari stabiliti per le cinque preghiere di ogni giorno.

Ebraismo:
Presso gli ebrei, il rito della circoncisione – al quale si è assoggettato anche Gesù – è fondamentale per indicare l’appartenenza al popolo ebraico.

Numerosi sono i riti di purificazione, come quello di lavarsi le mani.
Gli ebrei ricordano i comandamenti nelle piccole pergamene poste all’ingresso delle loro abitazioni che toccano uscendo ed entrando.
Celebrano la festa di Chanukkah in ricordo della purificazione del Tempio compiuta da Giuda Maccabeo dopo la profanazione operata dai Seleucidi; la festa di Yom Kippur per espiare i propri peccati e le impurità commesse dal popolo e dai singoli fedeli così come le tante ritualità della Pasqua.

Cattolicesimo:
Per il mondo cristiano cattolico basta ricordare i riti dei sette sacramenti (es. abluzione nel battesimo, l'ostia nella comunione, l'unzione nella cresima...) con tutta la simbologia connessa.

Registrati via email