Le Eresi su Gesù
le prime eresie, più che la divinità di Cristo, ne negarono l'umanità (gnosticismo, docentismo). Sin dal tempo degli apostoli la fede cristiana ha insistito sul realismo dell'incarnazione del Figlio di Dio. In seguito contro gli errori di Paolo di Somosata, e poi contro l'eresia ariana, è stato affermato che Gusù Cristo è il Figlio di Dio per natura e non per adozione. Il Concilio di Nicea professò che il Figlio di Dio è "generato, non creato, dalla stessa sostanza del Padre". L'eresia di Nestoriona sosteneva che in Gesù ci fosse una persona umano cangiunta con la persona divina del Figlio, che l'ha assunta e fatta sau al momento del suo concepimento. Leresia monofisita affermò che in Cristo non esisteva più la natura umana essendo stata assunta dalla persona divina del Figlio di Dio. Contro di esse il concilio di Calcedonia(451) affermò che lo stesso Gesù Cristo è "perfetto nella sua divinità e perfetto nella sua umanità, vero Dio e vero uomo, consostanziale al padre per la divinità, consostanziale a noi per l'umanità, simile in tutto a noi tranne che nel peccato". Calcedonia professe che noi dobbiamo riconoscere un solo e medesimo Cristo "in due nature, senza confusione, senza mutamento, senza divisione, senza separazione".

Registrati via email