Genius 2113 punti

Concilio di Gerusalemme

Il primo concilio si può considerare quello che si è svolto nel 49 d.C. a Gerusalemme, dove gli apostoli si trovano con Pietro e Paolo per discutere se fosse necessario che i nuovi credenti provenienti dal paganesimo dovessero essere circoncisi come gli Ebrei è il problema degli idolititi, cioè questioni relative alle carni sacrificate agli idoli.
A noi può sembrare un problema secondario ma il dibattito a quel tempo era molto acceso: c'era chi sosteneva che per diventare cristiani fosse necessario solo il battesimo e chi invece sosteneva che bisognava rispettare il rito giudaico della circoncisione.
Gli apostoli, dopo un lungo confronto, decisero che solo nel nome di Cristo si ottiene la salvezza, dunque la circoncisione era inutile, bastava fare il battesimo.
In merito agli idolotiti i cristiani che non credevano negli idoli pagani pensavano che le carni sacrificate alle divinità pagane e che venivano vendute anche sui pubblici mercati potessero essere mangiate legittimamente senza per questo peccare di idolatria. I giudei cristiani invece si ritenevano scandalizzati da quel comportamento perché consideravano la consumazione di quelle carni come un sacrificio offerto agli idoli. Per rispettare la sensibilità di tutti l'apostolo Giacomo chiede ai cristiani di sostenersi dal mangiare gli idolotiti. L'esperienza di Gerusalemme divenne un modello per la vita della Chiesa. Infatti, successivamente la Chiesa ha fatto 21 concili, da quello di Micea nel 325 al concilio Vaticano II° (1962-1965).

Registrati via email