Ominide 2147 punti

La poetica di Saba

La poesia del dolore
Le poesie di Saba nascono da un sentimento di dolore, radicato nell’infanzia e nei traumi subiti.
La familiarità con le opere di Freud gli consente di trovar una chiave di interpretazione del mondo e di veder chiaro in se stesso, di confessare le zone oscure della propria anima attraverso la poesia, come rimedio a un malessere intimo, espresso in una forma poetica misurata ed elegante.
L’estraneità alle poetiche contemporanee
L’incontro con le teorie freudiane gli fornisce strumenti filosofici e ideologici nuovi rispetto ai modelli della tradizione italiana. Nasce l’originalità della sua poetica.
Formatosi da autodidatta sui “grandi” della tradizione letteraria italiana (Ariosto, Parini, Foscolo, Leopardi, Manzoni, Pascoli, D’Annunzio), Saba è rimasto estraneo e Simbolismo ed Ermetismo decadente.

Una poesia “onesta”
La sua poesia si volge sia al proprio mondo interiore che alla realtà quotidiana.
Saba sostiene che la poesia deve essere “onesta”, veritiera, fondata su un “tenace sforzo dell’intelletto” e su una “disinteressata grandezza d’animo”. Alla finzione di D’Annunzio contrappone l’onestà e la verità della forma poetica “media” di Manzoni; alla crisi del ruolo del poeta contrappone l’ideale di una poesia autentica, che sappia cogliere il cuore dei problemi e dei sentimenti umani.
Vita e poesia
Nella lirica Amai Saba dichiara che è dovere del poeta riconoscere il vero: la poesia si realizza cercando se stessi e stabilendo un rapporto onesto con la realtà. Questo porta Saba a riconoscere nell’amore per la vita l’occasione della poesia, che non gli impedisce però di riconoscere anche il dolore: l’essenza della vita è proprio la dialettica tra gioia e dolore. Saba ha un atteggiamento di totale accettazione della vita.
Le scelte stilistico-formali
Per Saba il mondo “ha bisogno più di chiarezza che si oscurità” e il suo linguaggio ne è la dimostrazione. Nasce dal desiderio di comunicare le sue esperienze, che sono anche esperienze comuni (amore, dolore, amicizia, Trieste, la strada, il porto, lo stadio) e non dalla ricerca del nuovo a ogni costo.
Saba preferisce quindi il verso libero, le parole usuali acquistano valore tematico (amore, vita, cuore, anima, bello, antico, nuovo..), c’è una frammentazione a causa degli enjambement, la rima è apparentemente facile ma cela un profondo messaggio poetico.

Hai bisogno di aiuto in Umberto Saba?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email