Ominide 107 punti

Foscolo è il personaggio che prendiamo come parametro di riferimento nella cultura italiana di inizio Ottocento ed è la perfetta sintesi tra l’esperienza italiana del preromanticismo e il contributo che la nostra Nazione dà al neoclassicismo.
Foscolo è la persona che riesce a conciliare delle tematiche fortemente radicate nella nuova temperie del momento, questa ansia esistenziale, inquietudine e turbamento determinato dalla mancanza di certezze e dalla mancanza di una sostituzione alle certezze che l’illuminismo aveva proposto e d’altro canto uno stile estremamente misurato con l’idea di rendere il contenuto il più possibile rarefatto e imperturbabile.
L’elemento di un contenuto preromantico che tiene conto delle tematiche del senso di precarietà, non considerare la vita in modo prettamente materialistico o anche l’individualismo quindi mettere l’esperienza personale al centro della scrittura letteraria come esempio di ciò che si vuole portare avanti, anche il tema politico essendo questi gli anni in cui ci sono dei cambiamenti rapidi e importanti in Europa e Foscolo partecipa a questo clima in maniera molto passionale perciò quando parliamo di individualismo e della volontà del singolo di partecipare alle vita in Foscolo c’è anche la componente politica; a questo di associa la compostezza formale dello stile neoclassico. Nasce a Zante che è un’isola del mar Egeo nel 1778. La madre è greca il padre è veneziano. Questa origine dei genitori rappresenta un po’ la doppia anima di Foscolo: da un lato classicista, dall’altro italico dunque legato al destino della nostra terra soprattutto in termini politici. Essere nato nella culla della classicità diventa per Foscolo un po’ un mito e quando parlerà delle sue origini e della sua terra lo farà in termini mitizzati come qualcosa che rimane eterna nel tempo e anche l’isola di Zante nella sua trasposizione letterario verrà sempre presentata come l’eden, come un luogo ideale e fortemente astratto e lontano dalla realtà. Nel sonetto a Zacinto Foscolo ricorda la sua infanzia come anni di felicità.

Questa infanzia viene interrotta dalla morte del padre, quando Foscolo è adolescente, e costringe la madre a trasferirsi a Venezia per trovare sistemazione e far studiare il figlio. Comincia la sua formazione culturale di impronta classica, riceve un’educazione classica tradizionale. Comincia a cimentarsi nella scrittura letteraria e scrive una piccola raccolta poetica il cui tema è la morte del padre detto dalla critica CICLO IN MORTE DEL PADRE.

Hai bisogno di aiuto in Ugo Foscolo?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email