ely90 di ely90
Genius 4638 punti

Umanesimo
E' impossibile dare una conformazione unitaria ad un'età come quella umanistica così variegata, pertanto sono state individuate varie tipologie e generi di Umanesimo:

Il critico letterario Giulio Ferroni, con una divisione letteraria che non regge sul piano storico divide in umanesimo:

  • 1) Laico e Mondano;

    2) Religioso (con il chierico come intellettuale, ma che premia il rapporto Dio-uomo senza mediazioni);

    3) Civile e Repubblicano (a Venezia e nella Firenze di Lorenzo il Magnifico);

    4) Cortigiano, qualitativamente poco significativo ma quantitativamente diffuso (con L.B.Alberti ed il bando di un “Certame Coronario”);

    5)Filologico (con Valla);

    6)Filosofico (con il neo-platonismo di Pico della Mirandola e Marsilio Ficino);

A queste distinzioni pervengono le scelte nei generi:

  • 1) Epistola, con Poggio Bracciolini (1380-1459);

    2) Dialogo, con Bruni ed Alberti (1404-1474) in volgare (“Della famiglia”), generi che sottendono un’ideale “Repubblica delle Lettere”;

    3) Orazione, con Pico della Mirandola (1463-1494) “Oratio de hominis digitate”);

    4) Trattato, con Manetti (1396-1459) “De digitate et excellentia hominis” che rivalutà materialità e mondanità;

I generi però andarono specie nell’Umanesimo Cortigiano in direzione del poema eroicomico, della ballata, canzonetta (Poliziano, Lorenzo de’ Medici, Pulci).

Registrati via email