Ominide 1747 punti

BOIARDO - Periodo storico e l'Orlando Innamorato

Il periodo storico preso in considerazione era quello in cui si diffuse l'umanesimo padano, dove gli intellettuali cercavano delle novità attorno alla tradizione fiorentina perché era considerata la più florida.
Boiardo scrisse l'"Orlando Innamorato" che si ispirava ai due cicli della Letteratura francese cavalleresca:


    -
  • l'epopea carolingia, dove riprese la funzione dell'eroe che combatteva contro i musulmani

  • -
  • il ciclo bretone, dove riprese l'aggettivo "innamorato" che riportava a Tristano e Isotta.

Boiardo riprese dai racconti dei giullari molti personaggi, ma aggiunse Angelica, che era cercata e desiderata dall'eroe, non come figura ideale, ma come bellezza fisica e non si fece mai prendere da nessun uomo.

Un'altra novità era contenuta in Orlando che veniva classificato come innamorato. Questa era una cosa paradossale in un eroe cavalleresco, perché di solito non si lasciava incantare da nessuna donna. Quindi il suo obiettivo principale era la donna, mentre la lotta contro i pagani passava in secondo piano.

TRAMA dell'"Orlando Innamorato"


Carlo Magno bandì una giostra, a cui parteciparono tutti i cavalieri sia cristiani che saraceni, ma anche Angelica, che fece innamorare tutti. Tutti persero tranne uno, ma Angelica fuggì, venendo inseguita da tutti.
Alla fine si trovavano nell'Occidente invaso dai musulmani, riuscendo a invadere e distruggere la cristianità in Francia. A questo punto arrivò Orlando spinto non per motivi di cristianità, ma per raggiungere Angelica, che però era innamorata di un altro cavaliere, Rolando. Orlando e Rolando combatterono e vennero divisi da Carlo Magno, promettendo Angelica a chi si fosse comportato più valorosamente contro i saraceni.

Registrati via email