Stress di Stress
Sapiens 2255 punti

Solo et pensoso i piú deserti campi

Solo et pensoso i piú desert campi
vo mesurando a passi tardi et lenti,
et gli occhi porto per fuggire intenti
ove vestigio human l'arena stampi.

Altro schermo non trovo che mi scampi
dal manifesto accorger de le genti,
perché negli atti d'alegrezza spenti
di fuor si legge com'io dentro avampi:

Sì ch'io mi credo omai che monti et piagge
et fiumi et selve sappian di che tempre
sia la mia vita, che'é celata altrui.

Ma pu sí aspre vie né sí selvagge
cercar non so ch' Amor non venga sempre
ragionando con meco, et io co'llui.

Solo e pensoso di Francesco Petrarca è tratto dal "Canzoniere" una raccolta di 366 componimenti ispirati all'amore per Laura, per Petrarca, simbolo di eterna femminilità. Questa raccolta è divisa in 2 sezioni: "rime in vita" (di cui questa lirica fa parte) e "in morte" di Laura. La tematica di questa lirica è "l'amore come tormento". Sono presenti 2 campi del significato: quello della solitudine del paesaggio e quello dell'amore come sofferenza e come compagnia. Il ritmo è lento e monotono, anche a causa del lessico che presenta coppie di aggettivi di significato similie, o addirittura sinonimi. Vi sono diverse antitesi che mettono in risalto il contrasto che il poeta sente tra la sua parte interiore e le azioni che compie.

Registrati via email