Ominide 4454 punti

I Trionfi

I Trionfi iniziati nel 1351-52 sono un poema allegorico in terzine suddiviso in 6 quadri. Il poeta immagina di essere a Valchiusa e di assistere a varie visioni, nelle quali alcune figure simboliche celebrano il proprio trionfo accompagnate da personaggi del mito e della storia. Petrarca, dunque, inserisce i temi centrali della sua ispirazione poetica, come l’amore per Laura, l’inesorabilità del tempo ecc.. in una complessa trama concettuale. L’autore ricorre a una struttura di tipo medievale, memore dell’esempio della Commedia di Dante che rappresenta un punto di riferimento fondamentale per il Petrarca dei Trionfi. Il primo dei 6 quadri cui si dividono i trionfi è costituito dal Trionfo di Amore. Amore appare su un carro trionfale seguito da una folta schiera di celebri personaggi vinti dalla sua potenza. Il poeta, colpito dalla bellezza di una giovinetta, si unisce al corteo, che giunge a Cipro. Qui il dio celebra il suo trionfo e il poeta si vede rinchiuso in carcere. La giovinetta che si rivela essere Laura, riesce a sconfiggere Amore. Al ritorno dal trionfo, la giovane si imbatte in una donna vestita di nero, la Morte che la sottrae la vita. La notte successiva Laura appare al poeta, gli rivela la sua beatitudine e gli confessa di aver nutrito per lui un amore sincero. Il poeta assiste poi al trionfo della Fama. Nel Triumphus Famae, la Fama, raffigurata come una splendida regina, è accompagnata da uomini illustri disposti in 3 schiere. Ma il Tempo cancella e annienta le glorie e le memorie umane, rende vana l’azione della Fama. Alla fine, trionfa l’Eternità. Nel Triumphus Aeternitatis, il poeta giunge a contemplare un luogo illuminato dalla luce di Dio. I trionfi costituiscono l’ambizioso tentativo da parte di Petrarca di dare una sistemazione organica alla sua vasta cultura. L’ insoddisfazione costante mostrata da Petrarca nei confronti della sua opera è indice della difficoltà di giungere a una sistemazione unitaria, il poeta appare incapace di dare vita a una costruzione organica poiché egli non ha una visione sicura e salda del mondo.

Registrati via email