Dreke90 di Dreke90
Genius 6795 punti

1900 - Generi

Nel primo quarto del novecento su assiste in tutta Europa,e anche in Italia,a due fenomeni paralleli:uno di distruzione e uno di rifondazione su basi nuove delle strutture narrative. Nasce così il romanzo del 900,in cui alla crisi delle vecchie verità e delle vecchie forme narrative si accompagna l’introduzione di nuovi temi:quelli della nevrosi,della memoria, della malattia, della dimensione onirica dell’uomo senza qualità.
Nella narrativa di lingua tedesca è utile distinguere due gruppi di scrittori. Il primo è più legato al romanzo tradizionale e lo mette in crisi dall’interno;il secondo è assai più radicale sul piano dei contenuti e della rottura formale.
L’esponente di maggior spicco del primo gruppo è Thomas Mann(1875-1955),mentre Franz Kafka(1883-1924) e Robert Musil (1880-1942) sono i maggior esponenti del secondo gruppo.
“L’allegorismo vuoto” della metamorfosi di Kafka e il romanzo-saggio che Musil sperimenta nell’uomo senza qualità inaugurano una nuova grande stagione narrativa. Anche nella narrativa in lingua inglese il primo 900 segna la svolta radicale.

Negli stati uniti gli esiti più interessanti sono quelli dello sperimentalismo di Gertrude Stein(1874-1946) in Inghilterra virginia Woolf (1882-1941) adottano la tecnica del “flusso di coscienza”: Ulisse (1922)di Joyce ne è l’applicazione più rivoluzionaria.
Alla ricerca del tempo perduto è il capolavoro di Marcel Proust (1871-1922).
L’opera si compone di sette romanzi scritti fra il 1909 e la morte,legati fra loro dal punto di vista dell’ io narrante ,dalla ripresa continua di temi e di personaggi,dall’identità di poetica e di procedimenti narrativi:dalla parte di Swann ,all’ombra delle fanciulle in fiore,I Guermantes,Sodoma e Gomorra.La prigioniera,la fuggitiva,il tempo ritrovato.
In Italia ,nei primi 25 anni dei secoli la dissoluzione della tradizione narrativa e la rifondazione del romanzo in strutture nuove sono fenomeni paralleli. Mentre i “giovani” collaboratori della rivista “la voce” svolgono un’azione più di distruzione che di riformazione che approda al frammentismo,alcuni autori della generazione degli anni 60 propongono radicali soluzioni alternative.

Registrati via email