Ominide 250 punti

Il nome della Rosa

In un' ambientazione medioevale misteriosa e rarefatta, un anziano e dinamico frate si trova a dover risolvere una serie di delitti affiancato da un giovane novizio che al contempo si troverà ad assorbire il nuovo clima che vedrà il superamento del misticismo del medioevo a favore del pensiero razionale.
in fondo qui si tratta di una similitudine dell' 800 con S. Homes dove ad ogni mistero si risponde con logiche deduttive che portano alla risoluzione del caso. l'autore sembra qui voler sottolineare la sua incredulità verso un mondo ancora impregnato di magici rituali e forse riesce nel suo intento disvelante ed utile quando pensiamo alle attuali cronache che vedono coinvolte giovani vittime di rituali di magia nera.

Registrati via email