Erectus 2101 punti

Il principe è un’opera divisa in ventisei capitoli aventi ciascuno un titolo in latino. Dopo la prima lettera dedicata a Lorenzo Piero de’Medici, si possono individuare quattro sessioni principali:
-Prima sezione: capitoli dal 1 al11 tipi di principato, principati di nuova occupazione.
-Seconda sezione: dal 12 al 14 capitolo milizie.
-Terza sezione: dal 15 al 23 sulle virtù del principe.
-Quarta sezione : dal 24 al a 26 situazione italiana, problema della fortuna, esortazione finale ai medici.


Dopo la lettera indirizzata a Lorenzo Pietro, Machiavelli analizza i diversi tipi di principato. Nei primi capitoli parla dei principati aleatori e misti, poi si sofferma sui buoni principati e sulle conquiste di questi. La conquista dei nuovi principati può essere realizzata sia tramite le armi sia attraverso la fortuna, come capitò al duca Valentino.
Nel 8° capitolo considera il principato governato attraverso la crudeltà, nel capitolo l’autore si schiera a favore del principato civile nel 10° capitolo si valutano le forze da schierare contro i nemici estere, mentre nel11° si parla di principati ecclesiastici.

I capitoli 12-13 e 17 son un blocco tematico a se stesso che riguarda gli ordinamenti delle milizie. Machiavelli sostiene che i cittadini possono garantire la sicurezza statale, poiché essi sono animati dal patriottismo, mentre i mercenari agendo per denaro potrebbero effettuare azioni losche.
Dal 15° al 23° capitolo vengono trattate le quantità necessarie al principe per mantenere il controllo di uno stato. Egli dà un idea reale del principe, ovvero un uomo che ha il solo fine di proseguire il bene dello stato utilizzerà mezzi anche aggressivi.
Nel 21°capitolo si analizzano le ragioni che hanno comportato la caduta dei governi italiani ; nel 25° capitolo si esamina il rapporto tra virtù e fortuna ed infine nel 26° capitolo un’esortazione alla casate dei medici.
il livello linguistico e stilistico del Principe è considerato innovativo perchè Machiavelli si allontana dalle tendenze linguistiche del 500 e rifiuta la retorica vuota. Sceglie una prosa varia in cui compaiono sua esperienze alte, sia popolari : Sul piano sintattico invece prevalgono periodi di tipo disgiuntivo. Lo stile in è scritto il principe dimostra la tensione della scrittura di Machiavelli. Qui si alternano registri alti e latinismi a linguaggi bassi tra i quali anche il parlato e il fiorentino. Inoltre la prosa procede seguendo due criteri: argomentazione rigorosa e immagini fantasiose , non che momenti di ragionamento scientifico e momenti intensi.

Hai bisogno di aiuto in Principe?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email