coltina di coltina
Genius 11957 punti

Luigi Pirandello - Notte

Riassunto

Silvestro Noli, appassionato d'arte, teatro e musica e insegnante da sette anni in Abruzzo, sta tornando a casa dopo essere andato a trovare la sua famiglia, a Torino. Sta riflettendo su quanta tristezza ha trovato in quella casa, com'è invecchiata sua madre, e quanta poca vita c'è rimasta lì, come se lui se la fosse portata via quand'è partito. Egli, che era tornato a Torino per respirare un po' di quel calore e di quell'intimità familiare, ripensa con tristezza alla famiglia che lo aspetta in Abruzzo: una moglie abruzzese, sposata forse per trovare un po' di compagnia, ma così diversa da lui, che non vuole assolutamente trasferirsi, e un figlio quasi estraneo, come se fosse solo di sua moglie.
E' frustrato e le lacrime gli rigano il viso. Arrivato alla stazione attende la coincidenza che passerà dopo 5 ore e si ristora al bar della stazione, aperto per tutta la notte. Decide di fare un giro al mare, per rilassarsi, e incontra la moglie di un suo collega, da poco deceduto.

La vedova, in lacrime e disperata, gli racconta del dolore per la perdita del marito, per la sorte incerta dei loro tre figli piccoli e del suo viaggio inutile a Roma per vedersi riconoscere una pensione.
I due escono dalla stazione, incamminandosi verso il mare. La donna accenna un moto di abbandono fra le braccia di Silvestro, ma egli si ritrae, raccontandogli del suo matrimonio e della sua sorte. La donna gli chiede se canta ancora, come faceva un tempo, quando si conobbero a Matera. Quel ricordo fa affiorare le lacrime dell'uomo: forse lì aveva ancora vita, forse mentre cantava si ricordava ancora dei suoi sogni.
L'alba porta un po' di luce sulla spiaggia e un po' di tranquillità nei due che, insieme al buio della notte, vedono arretrare anche la loro disperazione e sorgere la speranza di poter comunque vivere la loro vita.

Foto e Video su Pirandello

Registrati via email