coltina di coltina
Genius 11957 punti

Io non pensava che lo cor giammai....

di Guido Cavalcanti (Dalle Rime)

Testo e parafrasi

TESTO
Io non pensava che lo cor giammai
avesse di sospir' tormento tanto,
che dell'anima mia nascesse pianto
mostrando per lo viso agli occhi morte.
Non sentìo pace né riposo alquanto
poscia ch'Amore e madonna trovai,
lo qual mi disse: "Tu non camperai,
ché troppo è lo valor di costei forte".
La mia virtù si partìo sconsolata
poi che lassò lo core
a la battaglia ove madonna è stata:
la qual degli occhi suoi venne a ferire
in tal guisa, ch'Amore
ruppe tutti miei spiriti a fuggire.
Di questa donna non si può contare:
ché di tante bellezze adorna vène,

che mente di qua giù no la sostene
sì che la veggia lo 'ntelletto nostro.
Tant' è gentil che, quand' eo penso bene,
l'anima sento per lo cor tremare,
sì come quella che non pò durare
davanti al gran valor ch'è i•llei dimostro.
Per gli occhi fere la sua claritate,
sì che quale mi vede
dice: "Non guardi tu questa pietate
ch'è posta invece di persona morta
per dimandar merzede?"
E non si n'è madonna ancor accorta!
Quando 'l pensier mi vèn ch'i' voglia dire
a gentil core de la sua vertute,
i' trovo me di sì poca salute,
ch'i' non ardisco di star nel pensero.
Amor, c'ha le bellezze sue vedute,
mi sbigottisce sì, che sofferire
non può lo cor sentendola venire,
ché sospirando dice: "Io ti dispero
però che trasse del su' dolce riso
una saetta aguta,
c'ha passato 'l tuo core e 'l mio diviso.
Tu sai, quando venisti, ch'io ti dissi,
poi che l'avéi veduta,
per forza convenia che tu morissi".
Canzon, tu sai che de' libri d'Amore
io t'asemplai quando madonna vidi:
ora ti piaccia ch'io di te mi fidi
e vadi'n guis' a lei, ch'ella t'ascolti;
e prego umilemente a lei tu guidi
li spiriti fuggiti del mio core,
che per soverchio de lo su' valore
eran distrutti, se non fosser vòlti,
e vanno soli, senza compagnia,
e son pien' di paura.
Però li mena per fidata via
e poi le di', quando le se' presente:
"Questi sono in figura
d'un che si more sbigottitamente".

PARAFRASI
Io non avrei mai pensato che il cuore sarebbe stato tanto tormentato dai sospiri, che dalla mia anima nascesse un pianto che fa capire che soffrendo più di così morirei.
Non riuscivo a trovar pace né a riposarmi, dopo che ebbi incontrato l’Amore e la mia donna, e Amore mi disse: “ Tu non vivrai, perché lei non vuole ceder al tuo amore”
La mia virtù se ne andò sconfortata lasciando il cuore dove aveva combattuto per l’amore della donna: e lei con i suoi occhi mi ferì al punto tale che Amore fece fuggire i miei spiriti.
Di questa donna non posso raccontare le virtù: lei è così bella che una mente umana non può vederla come ella è davvero (perché è un essere molto superiore all’uomo).
E’ tanto gentile che, quando penso intensamente a lei, sento il cuore tremare attraverso l’anima, che non può resistere davanti all’immenso valore che in lei si mostra.
La regalità del suo aspetto ferisce, al punto che chi mi vede mi dice:”
E la mia donna non se ne è accorta!
Quando mi viene in mente di dire a qualcuno di cortese (nel senso di degno di confidenze d’amore) quanto lei sia virtuosa, mi sento così poco capace di farlo che smetto di pensarci.
Amore, che ha visto quanto è bella, mi sorprende così tanto che il mio cuore non può sopportare di vederla avvicinarsi senza sospirare: “ Io sono disperato per te, perché dalle sue risate nasce una freccia appuntita che ha trapassato il tuo cuore e spezzato il mio. Tu sai che io ti dissi, quando sei venuto da me, che per te sarebbe stato meglio morire dopo averla vista”

Canzone, tu sai che io scrissi poesia d’amore quando vidi questa donna, ora per favore vai da lei, perché di te mi fido, e fatti ascoltare; e per favore porta con te da lei gli spiriti che mi sono sfuggiti dal cuore, e che, a causa della sua superiorità, si sarebbero distrutti se non fossero fuggiti e adesso se ne vanno in giro da soli, senza compagnia e impauriti.
Quindi tu portali con te attraverso una strada sicura e, quando ci sarà anche lei, dille: “Questi sono la testimonianza di un uomo che sta morendo senza capire”

Registrati via email