Home Invia e guadagna
Registrati
 

Password dimenticata?

Registrati ora.

Poesia comico-realistica

Appunto sul genere della poesia comico-realistica ed i suoi esponenti più importanti come Donati, Filippi ed Angiolieri

E io lo dico a Skuola.net
Poesia comico-realistica
Genere poetico che, si affermò nel XIII secolo in Toscana. Rustico Filippi, Forese Donati e soprattutto Cecco Angiolieri furono i massimi rappresentanti di questo genere. Anche alcune opere giovanile di Dante, come i sonetti in tenzone con Forese Donati, può essere aggiunto al genere comico-realistico. Quest’ultimo è denominato saltuariamente anche poesia burlesca, che si riferisce a un’analoga espressione poetica tra 400’ e 500’.
I temi di queste poesie sono popolareschi e legati al dato realistico, e vengono resi in uno stile comico, ma non perciò poco letterario. In risposta polemica all’idealizzazione poetica stilnovista, l'amore diventa in questi autori rapporto fisico; alla nobiltà di nascita e d'animo si sostituisce la ricerca della ricchezza economica, unita a un disprezzo per le raffinatezze culturali. Si tratta spesso di testi parodistici, divertimenti scherzosi che riprendono alcuni esempi della poesia provenzale, in particolare le tenzoni.
Altrettanto legati a temi realistici sono le poesie di Folgore da San Gimignano e di Cenne della Chitarra. Folgore è autore di due corone di sonetti dedicati ai giorni della settimana e ai mesi dell’anno, dove il pretesto della serie serve a decantare le gioie spensierate della vita cortese dell’aristocrazia e della ricca borghesia comunale toscana. Il secondo, probabilmente un giullare, è ricordato per i sonetti che fanno la parodia della serie di Folgore, e che enunciano le noie e i fastidi che caratterizzano ciascun mese dell’anno.
Contenuti correlati
Accedi con Facebook
Registrati via email