Erectus 2101 punti

In Italia, dopo il 1100 fioriscono popolati centri urbani ( Firenze, Milano, Genova, Venezia) mentre in Europa le città rimasero sotto il controllo delle monarchie. I comuni in Italia raggiungono l’autonomia politica poiché mancava un governo centrale. Si afferma la civiltà comunale: nata all’inizio del Duecento, viene messa in crisi dalla peste del 1348. Rappresentante della letteratura italiana del periodo è Dante Alighieri( 1265-1321) . Nelle città si afferma la borghesia, che si basa sul denaro e non sui possedimenti terrieri; tra i membri del ceto borghese compare la figura del mercante. Egli è una figura nuova nella società e quindi per imporsi presenta una nuova visione del mondo; tutto fondato sui valori Laici e mondani, che mettono in crisi la visione teocentrica che aveva caratterizzato il Medioevo. Inoltre il ceto mercantile , non conoscendo i latino, contribuisce all’affermazione del volgare anche in letteratura. Anche l’attività intellettuale inizia a diventare laica. Sorgono le scuole pubbliche e le università. Si impongono quindi le figure del maestro di scuola e del professore universitario, esse vivono con uno stipendio pagato dagli studenti o direttamente dal comune. L’arte e la cultura , che prima era svolta esclusivamente nei monasteri, nel 13° secolo passa alle città, manifestandosi nelle istituzioni e corporazioni cittadine. Ciò si riscontra anche nella costruzione degli edifici<, le Chiese infatti passano dallo stile romanico a quello gotico.

Il frate Tommaso d’Aquino fu il primo esponente del clero a capire il bisogno del cristianesimo dia accogliere il pensiero razionale, derivante dalla filosofia ellenistica e dal pensiero di Aristotele. San Tommaso elabora quindi il “Tomismo”, una dottrina e sistema filosofico che si prepone due scopi:
- Organizzare sistematicamente tutto il sapere umano,
- Cercare di unire i due concetti d fede e di ragione.
Con San Tommaso la religione diventa una vera e propria “scienza” , in quanto la ragione è in grado di dimostrare l’esistenza di Dio. Grazie a queste riflessioni si impone il pensiero di Aristotele, il quel dominerà fino al 17° secolo il pensiero scientifico e filosofico.

Hai bisogno di aiuto in Contesto Storico Letterario?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email