Mito 119085 punti

Soligno augello


Solingo augello, se piangendo vai
la tua perduta dolce compagnia,
meco ne ven, che piango anco la mia:
inseme potrem fare i nostri lai.Ma tu la tua forse oggi troverai; 5
io la mia quando? e tu pur tuttavia
ti stai nel verde; i' fuggo indi, ove sia
chi mi conforte ad altro, ch'a trar guai.Privo in tutto son io d'ogni mio bene,
e nudo e grave e solo e peregrino 10
vo misurando i campi e le mie pene.Gli occhi bagnati porto e 'l viso chino
e 'l cor in doglia e l'alma fuor di speme,
né d'aver cerco men fero destino.

[strip]
Parafrasi:
Uccello solitario, se vai piangendo
la tua dolce compagna perduta,
vieni con me, anche io piango la mia compagna:
Insieme possiamo fare i nostri lamenti. Ma tu forse oggi troverai la tua compagna;
Io quando troverò la mia? E tu tuttavia
vivi nel verde; io fuggo là dove ci sia chi mi conforta ad altro che a lamentarmi
Io sono privo di tutto, di ogni mio bene,
e nudo e oppresso dal dolore e solo e pellegrino
vado misurando i campi e i miei dolori.
Con gli occhi piangenti e con il viso abbassato
e il cuore pieno di dolore e l'anima senza speranza,
e non cerco di venire meno al mio infelice destino

Registrati via email