sc1512 di sc1512
Ominide 5764 punti

-La Poetica del ‘Vago ed Indefinito’-

Importante per la sua produzione letteraria è la sua ‘Teoria del Piacere’.
Nella realtà l’uomo non ha possibilità di raggiungere il piacere infinito, egli può figurarsi piaceri infiniti mediante l’immaginazione.
Ciò che stimola l’immaginazione dell’uomo è tutto ciò che è ‘vago ed indefinito’, lontano o ignoto.
Allora, con la ‘teoria della visione’, deduce che è piacevole per l’uomo, secondo le idee di vago ed indefinito, la limitazione dei sensi per via di un ostacolo (una siepe, un albero, ecc.), poiché qui l’uomo può sfruttare l’immaginazione per capire cosa c’è al di à della siepe, dell’albero, ecc.
L’Immaginazione non interviene solo nel campo della natura, ma anche nelle opere umane, come la pittura o la musica, dove l’uomo cerca di riprodurre sensazioni ‘vaghe ed indefinite’

Formula anche una ‘teoria del suono’, elencando una serie di suoni suggestivi poiché vaghi.
Il ‘Bello Poetico’ per Leopardi consiste dunque nel Vago e nell’Indefinito, legato alla ‘rimembranza’ della fanciullezza.
Leopardi afferma che i maestri della poesia ‘vaga’ erano gli antichi, poiché, essendo più vicini alla natura, erano immaginosi come dei fanciulli, mentre i moderni non lo sono più, poiché allontanati dalla ragione; essi sono infelici poiché consapevoli del vero.

Hai bisogno di aiuto in Giacomo Leopardi?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email