yya di yya
Ominide 863 punti

Canzoni del suicidio

Giacomo Leopardi

Le CANZONI DEL SUICIDIO: 1818-1822

Legate dal tema dal suicidio sono: Bruto minore (dicembre 1821) e l’Ultimo canto di Saffo (maggio 1822). La prima presenta il suicidio civile e la seconda presenta il suicidio esistenziale e conclude la riflessione sulla rottura moderna del rapporto armonioso con la natura.

Del Bruto minore è protagonista l’ispiratore dell’assassino a Giulio Cesare, poi sconfitto nel 42 a.C. a Filippi da Ottaviano e da Antonio. Deluso dai valori repubblicani in nome dei quali ha guidato la congiura, Bruto rinnega la “stolta virtù” finora seguita, accusa l’indifferenza dell’universo e degli dèi ai casi infelici dell’uomo, rifiuta ogni illusione di mortalità religiosa o di durata nella memoria degli uomini. Siamo nella piena concezione materialistica e meccanicistica del mondo.

Nell’Ultimo canto di Saffo Leopardi evidenzia il contrasto io-mondo che diventa perenne. Il conflitto è tra l’infelice poetessa greca, sensibile spiritualmente ma brutta fisicamente, e l’armonia di una natura che Saffo può percepire, ma alla quale resta estranea. Ne nasce una severa accusa al destino dell’uomo e agli dei, casuali distributori di felicità e d’infelicità. Qui la denuncia delle illusioni perde qualsiasi connotazione storica per definirsi in termini esistenziali e filosofici.

Hai bisogno di aiuto in Giacomo Leopardi?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email