Ominide 50 punti

Leopardi Giacomo

Nacque a Recanati, nelle Marche, nel 1798 da nobile famiglia.
Crebbe in un ambiente chiuso di provincia, di cui sentì sempre l'appressione aggravata per di più dall'indifferenza del padre, conte Monaldo e dalla madre Adelaide.
Precocissimo per interessi e capacità intellettuali, trascorse il periodo tra i dieci e i 17 anni immperso tra i libri, nella biblioteca paterna, acquisendo, da autodidatta, una perfetta conoscenza del greco e del latino, dell'ebraico e delle lungue moderne.
Questo intenso studio gli rovinò per sempre la salute, causandogli una leggera deformazione al corpo e dei disturbi alla vista e al sistema nervoso.
Insofferente dell'arretratezza culturale dell'ambiente di Recanati, tormentato da una profonda cirisi interiore, dopo un tentativo di fuga, nel 1822 ottenne il permesso di recarsi a Roma, ma questo soggiorno non fede che accrescere il suo pessimismo nei confronti del destino umano.
Deluso e amareggiato fece ritorno a Recantati.
Nel 1825 si trasferì a Milano, poi a Bologna e a Firenze, ma al paese natale, amato e odiato nello stesso tempo, ritornava sempre, pronto a ripartirsene alla prima occasione.
Intanto le sue condizioni di salute peggiorano per di più una grave delusione d'amore prestò del tutto il suo animo.
Nel 1833 si trasferì a Napoli, dove trascorse gli ultimi anni di vita assistito e confortato dall'amico Antonio Ranieri.Morì nel 1837.

Registrati via email