zerbino di zerbino
Ominide 90 punti

Il cavaliere inesistente

TRAMA: Protagonista del romanzo è il paladino Agilulfo, il cavaliere “che non c’è”, poiché l’unica consistenza è costituita dalla sua fulgente e inappuntabile armatura. Incline alla disciplina e al più severo rigore militare, è impegnato nella guerra contro gli infedeli nella cui lotta, incontra Rambaldo, giovane maldestro di professione baccelliere, arruolatosi sul campo per onorare la morte del padre. Durante la battaglia il giovane incontra la risoluta quanto attraente Bradamante, l’unica donna guerriera del campo, della quale se ne innamora perdutamente, nonostante lei si sia invaghita di Agilulfo. Da questo nucleo, un susseguirsi di avventure e colpi di scena incredibili seguendo un ritmo incalzante e coinvolgente a tratti comico, espresso dal prode scudiero di Agilulfo, Gurdulù. Un romanzo comico-cavalleresco dal finale suggestivo e singolare.

COMMENTO: Curato nei particolari e limpido, il racconto rappresenta senz’altro uno dei romanzi meglio riusciti dal genio di Calvino. Pur seguendo un linguaggio regolare, non mancano riflessioni ed espressioni tipiche del repertorio medievale, che ne accrescono realtà e consistenza. Leggero e piacevole da leggere se pur “meccanico”nel prologo si svolge con una trama avvincente e vivace che esclude un’uniformità ripetitiva. Buona la visione complessiva del libro.

Registrati via email