blakman di blakman
VIP 9176 punti

Ungaretti, Giuseppe

È considerato uno dei maggiori poeti italiani del Novecento. Visse in diversi paesi, dall'Egitto in cui era nato, a Parigi, dove studiò, al Brasile dove insegnò all'università. Fu profondamente segnato dall'esperienza della trincea durante la Prima guerra mondiale e nella sua produzione poetica si ritrovano gli echi di un secolo denso di avvenimenti drammatici. Le liriche giovanili nate in trincea costituiscono il primo nucleo di Vita di un uomo, raccolta pubblicata (1969) un anno prima della sua morte, contenente l'intera produzione in versi. Nacque nel 1888 ad Alessandria d'Egitto, dove i suoi genitori di origine lucchese, erano emigrati. Aveva solo due anni quando il padre morì; la madre da sola crebbe ed educò questo figliolo che rivelò subito un animo libero ed indipendente. Iniziò presto ad interessarsi di letteratura e cominciò a scrivere i primi versi. Nel 1912 lasciò l'Egitto alla volta di Parigi, dove si iscrisse all'università e conobbe artisti famosi comi il pittore Picasso e il poeta Appollinaire. Nel 1914, allo scoppio della Prima guerra mondiale, si traferì a Milano e si arruolò come volontario, combattendo fra le trincee del Carso e poi sul fronte francese. Dopo la guerra visse in Brasile e nel 1942 tornò in Italia. A Roma ottenne la cattedra di Letteratura italiana che tenne fino all'età della pensione. Si spense a Milano nel 1970, quando aveva poco piu "quattro volte vent'anni", come il poeta amava scherzosamente dire si sè.

Registrati via email