guidi di guidi
Ominide 50 punti

Testo


Un'intera nottata
buttato vicino
a un compagno
massacrato
con la sua bocca
digrignata
volta al plenilunio
con la congestione
delle sue mani
penetrata
nel mio silenzio
ho scritto
lettere piene d'amore

Non sono mai stato
tanto
attaccato alla vita

Cima Quattro il 23 dicembre 1915

Commento

Nella poesia "Veglia" il titolo non chiarisce tanto la trattazione della poesia. Sono presenti due strofe rispettivamente di tredici e di tre versi; la metrica è libera. In questa lirica non sono presenti le figure retoriche, ma il linguaggio è pieno di aggettivi molto forti, infatti, Ungaretti, non a caso, usa aggettivi del tipo “digrignata”, “massacrata” o frasi come “…la congestione delle sue mani penetrata nel mio silenzio”. Con tutti questi aggettivi o frasi ci viene fatto capire molto bene, come se fosse un’immagine, il dolore che ha sofferto il compagno mentre moriva.

Un’altra immagine, secondo me molto forte, è “Non sono mai stato tanto attaccato alla vita”: con essa il poeta esprime la sua paura per la morte dolorosa, ma soprattutto l’attaccamento alla vita, che ora più che mai è presente in lui. Il tema del componimento è una nottata, durante la prima guerra mondiale, passata vicino a un compagno massacrato,quindi morto. Il messaggio invece, è rappresentato dagli aggettivi usati per descrivere il soldato morto e cioè che la guerra porta dolore e morte.

Registrati via email