Cronih di Cronih
Genius 23969 punti

Narratore Invisibile:

Verga, in Rosso Malpelo, per ottenere un effetto di realtà, nella novella adotta la tecnica della narrazione impersonale: il narratore scompare e regredisce in una coralità di parlanti in cui registra giudizi,commenti, modi di dire. Fin dall'inizio del racconto possiamo capire che Verga usa la tecnica rannativa del discorso diretto libero, come all'inizio del testo:

"Malpelo si chiamava cosi perchè aveva i capelli rossi, ed aveva i capelli rossi perchè era un ragazzo malizioso e cattivo, che prometteva di riescire un fior di borbone"

Questa affermazione di un anonimo narratore incarna il punto di vista dei personaggi della vicenda.

Presentazione del protagonista:

La presentazione del personaggio è affidata alle frequenti similitudini col mondo animale, per evidenziare che Malpelo è sottoposto alle stesse leggi di violenza e sopraffazione da parte degli uomini.

L'anticipazione sulla sorte di Malpelo:

Alla presentazione di Malpelo segue, in flash-back, la narrazione della morte del padre, in cui è possibile individuare un'anticipazione della sorte del ragazzo:

"Và là che tu non ci morrai nel tuo letto, come tuo padre"

Altre Analisi:

La sequenza che troviamo più spesso nel brano di Verga è sicuramente quella DESCRITTIVA. Come quando viene descritto Malpelo "malizioso e cattivo" o il padre come una "bestia".
Altre sequenze sono quelle riflessive.

Fabula è intreccio non coincidono in certi punti del testo. Il punto di vista, o focalizzazione è interna anche se può sembrare zero.

PROTAGONISTI: Rosso Malpelo, Ranocchio e l'asino
ANTAGONISTI: la Madre di Malpelo, la sorella e il popolo

Un'altra cosa che troviamo spesso nei testi di Verga è il "PROCESSO DI STRANIAMENTO" cioè quando ha un persona un tuo determinato comportamente può sembrare strano invece e totalmente naturale. Come quando il popolo vede strano Malpelo quando non mangia,non beve a cuasa della morte del padre

Registrati via email