Genius 17364 punti

Il tuono


E nella notte nera come il nulla,
a un tratto, col fragor d'arduo dirupo
che frana, il tuono rimbombò di schianto:
rimbombò, rimbalzò, rotolò cupo,
e tacque, e poi rimareggiò rinfranto,
e poi vanì. Soave allora un canto
s'udì di madre, e il moto di una culla.

Analisi

E’ stata scritta dopo "Il lampo".
La lirica è stata composta in endecasillabi, con ripresa costituita da un solo verso, il primo, secondo lo schema A;BCBCCA.
Il poeta identifica nel temporale la manifestazione più significativa del male universale che tiene asserragliata l’umanità. In chiusura, la presenza di un motivo pascoliano: l’immagine consolatoria della madre e della culla, simbolo di sicura protezione e di originaria innocenza.
La poesia si apre con un verso isolato, introdotto dalla congiunzione e, il secondo verso dà inizio a una descrizione sonora dell’improvviso scoppio del tuono.
La lirica si chiude con l’immaginazione dolcissima di un canto materno.

Hai bisogno di aiuto in Giovanni Pascoli?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email