Mito 120308 punti

Giovanni Pascoli

---> Nasce a San Mauro di Romagna (Forlì) nel 1885 da famiglia agiata;
---> Il padre era amministratore delle proprietà dei principi di Torlonia;
---> Il 10 agosto 1867 il padre venne misteriosamente assassinato;
---> La morte del padre, di una sorella, di due fratelli e della madre segnarono fortemente l’animo di Pascoli e ne avrebbe inevitabilmente segnato la produzione poetica;
---> Con una borsa di studio, Pascoli si laureò alla facoltà di lettere di Bologna, dove ebbe come professore Carducci;
---> Nel 1882 si laureò in letteratura greca e incominciò l’insegnamento;
---> Importante fu l’aver ricostruito il nucleo familiare, quando tornò a vivere con le sorelle Ida e Maria;
---> Iniziò l’attività poetica: nel 1891 Myricae e alcuni poemetti in latino;
---> Nel 1895 si trasferisce a Castelvecchio di Barga con Maria, poiché Ida si era sposata contro il parere di Pascoli;
---> Nel 1897 uscì i Poemetti, nel 1903 i Canti di Castelvecchio e nel 1904 i Poemi conviviali;
---> Nel 1906 successe a Carducci alla cattedra di lettere di Bologna;
---> Poesia a forte valenza simbolica, a tematiche storiche e celebrative: Odi e inni nel 1906, Poemi italici nel 1911 e Poemi del Risorgimento nel 1913;
---> Produzione di testi in latino: i Carmina;
---> Testi in prosa e saggi: Minerva oscura nel 1898, Sotto il velame nel 1900, La mirabile versione nel 1902, Miei pensieri di varia umanità nel 1903;
---> Ammalatosi gravemente nel 1908, il poeta morì a Bologna nel 1912.

Registrati via email