blakman di blakman
VIP 9176 punti

Presso una certosa

Da quel verde, mestamente pertinace tra le foglie
Gialle e rosse de l'acacia, senza vento una si toglie:
E con fremito leggero
Par che passi un'anima.
Velo argenteo par la nebbia su 'I ruscello che gorgoglia,
Tra la nebbia nel ruscello cade a perdersi la foglia.
Che sospira il cimitero,
Da' cipressi, fievole?
Improvviso rompe il sole sopra l'umido mattino,
Navigando tra le bianche nubi l'aere azzurrino :
Si rallegra il bosco austero
Già del verno prèsago.
A me, prima che l'inverno stringa pur l'anima mia
Il tuo riso, o sacra luce, o divina poesia!
Il tuo canto, o padre Omero,'
Pria che l'ombra avvolgami!

Commento
E` un sommesso e commosso addio alla vita e un ultimo canto di poesia, che consola e illumina l`esistenza. Il paesaggio autunnale, descritto con intensa malinconia, riflette lo stato d`animo del poeta che sente la fine oramai vicina e che tuttavia e` ancora teso a cogliere le ultime gioie della vita: un raggio di sole, la luce consolante della poesia. Nelle vicinanze di un cimitero (Certosa e` il nome del camposanto bolognese) una foglia cade da un albero e va a perdersi nella nebbia, con un fremito che fa pensare al trapasso di un`anima da questa a un`altra vita. Ma all`improviso il triste paesaggio autunnale, che annuncia un inverno vicino, è rallegrato da un raggio di sole, da un ultimo segno di vita. E il poeta spera che la poesia illumini ancora una volta la sua vita,prima che le tenebre della morte lo avvolgano.

Registrati via email