Home Invia e guadagna
Registrati

Password dimenticata?

Registrati ora.

Carducci, Giosuè - San Martino (2)

Testo e parafrasi della lirica con andamento ritmico-melodico composta da G. Carducci, "San Martino"

E io lo dico a Skuola.net
Carducci, Giosuè - S.Martino
La nebbia a gl'irti colli
Piovigginando sale,
E sotto il maestrale
Urla e biancheggia il mar;
Ma per le vie del borgo
Dal ribollir de' tini
Va l'aspro odor de i vini
L'anime a rallegrar.
Gira su' ceppi accesi
Lo spiedo scoppiettando:
Sta il cacciator fischiando
Su l'uscio a rimirar
Tra le rossastre nubi
Stormi d'uccelli neri,
Com'esuli pensieri,
Nel vespero migrar.


Parafrasi
La nebbia, per gli alberi spogli dei colli, mentre piove, sale e, trainata dal vento, dipinge il mare di bianco e tra le vie del paese dai cattivi umori va l’odore di vino a tirar su i morali. Gira su rami infuocati lo spiedo cuocente, mentre il cacciatore festeggia davanti alla porta. Al momento del tramonto, molti corvi neri, come pensieri nella sera se ne vanno.
Contenuti correlati
Oppure registrati per copiare