smo.ork di smo.ork
Ominide 182 punti

Opere

Le prime due raccolte di poesie di D’Annunzio risalgono alla sua adolescenza.
· Primo vere(1879), pubblicata quando ancora frequentava il liceo, gli valse le critiche dei professori per la libertà dei temi e del linguaggio e per la forte sensualità. I componimenti risentono della metrica carducciana e contengono toni di giovanile entusiasmo e ironico realismo.
· Canto novo(1882) dove, alla tradizionale tecnica, si affianca un contenuto e uno stile decisamente nuovo, la natura in cui il poeta si immerge viene personificata, ed è simbolo di energia vitale; una seconda edizione di canto novo, molto rielaborata uscì nel 1896.
· Nel 1883 il poeta pubblicò la raccolta di poesie intermezzo di rime, un’opera decadente con cui ricorrono immagini di distruzione e corruzione tanto che il libro scatenò accese polemiche e fu definito “inverecondo”. La seconda edizione uscita nel 1894, dal titolo intermezzo, si caratterizza per il tema della lussuria e un linguaggio artificioso. Dopo il successo ottenuto, D’Annunzio impostasi in Francia tra il 1889 e il 1890 si dedicò alla sperimentazione letteraria accostandosi al tema della purezza, della bontà d’animo, del ritorno alla natura, tratti caratteristici dei personaggi di Lev Tolstoj, e all'indagine psicologica , attenta ai conflitti interiori e agli stati mentali alterati e talora patologici di alcune figure dei romanzi di Fedor Dostoevskij. Nel 1892 la lettura dell’opera di Nietzsche, il filosofo che aveva elaborato la teoria del

superuomo (cioè di un uomo nuovo; è colui che si impegna a realizzare totalmente se stesso, superando tutti gli ostacoli che possono reprimere i suoi desideri e le sue aspirazioni), segnò l’avvio di una nuova vitalità poetica in D’Annunzio, che applicò alla figura del poeta, rendendolo un essere superiore svincolato da ogni regola morale. L’ideologia del superuomo stimola in D’Annunzio una grande creatività che si esprime nella progettazione di cicli di romanzi, di un programma di opere teatrali e di un ciclo di sette raccolte poetiche, le Laudi. Si tratta di progetti che rimasero in parte incompiuti. Ma anche la figura del superuomo è fragile, vittima delle sue aspirazioni , ostacolato dalla presenza del nemico- di solito una donna- è condannato alla sconfitta e la sua vicenda si conclude spesso tragicamente.

Hai bisogno di aiuto in Gabriele D'Annunzio?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email