smo.ork di smo.ork
Ominide 182 punti

Estetismo dannunziano

D’Annunzio culturalmente si colloca come antipositivista perché ritiene che la scienza e la ragione non sono sufficienti a dare risposte validi ai grandi interrogativi esistenziali dell’uomo, crede che l’uomo nel sogno e nell'immaginazione trova la felicità nel “bello” posto al di sopra del bene. D’Annunzio esprime il massimo estetismo. Andrea Sperelli : uomo che disdegna la vita quotidiana, rifugiandosi in un mondo tutto suo, forse per restare solo separato dalle sue due donne. L’elemento estetizzante che dominava la sua personalità spinse D’Annunzio ad avvicinarsi al Decadentismo europeo, che faceva della bellezza il bene supremo, nel tentativo di superare le convenzioni della morale borghese. Influenzato dalla cultura francese, incarnò l’eroe decadente raffinato, amante del bello. D’Annunzio perseguì l’ideale di sensualità ricercatezza nella sua stessa esistenza e ne trovò incarnazione letteraria in Andrea Sperelli del Piacere e in altri protagonisti dei suoi romanzi. Il mito dell’esteta dimostrò presto i suoi limiti : L’esteta vuole distinguersi dalla

meschinità della società borghese di fine secolo, di cui critica il vuoto morale e la grettezza degli ideali, ma non ha i mezzi per farlo. Il disprezzo per la società perbenista e le sue regole lo inducono a un isolamento sterile e privo di senso, in un mondo dominato dalla solitudine e dalla menzogna.

Le Laudi

Tra il 1896-1903, D’Annunzio compone le “Laudi del Cielo del Mare della Terra degli Eroi”, con questo ciclo di opere D’Annunzio si propone come campione di una <rinascenza eroica> ,costruendo il più ampioso modello di una poesia che afferma la <gioia> , la conquista del mondo da parte di una nuova comunità pagana e che si ritiene capace di rimettere nel presente tutta la vitalità del mito antico. Il titolo <Laudi> mostra come D’Annunzio voglia utilizzare , in chiave tutta moderna e anticristiana, la suggestione francescana delle “Laudes Creaturarum” e delle laude. Il progetto prevedeva ben 7 libri dedicati ciascuno a una stella delle Pleiadi, ma il progetto e la stesura ebbero varie fasi e diversi aggiustamenti.

Registrati via email