Cronih di Cronih
Genius 23969 punti

Il Genere

Nella novella grande importanza viene attribuita alla rappresentazione dello spazio nella sua duplice funzione realistica e simbolica. La città di Napoli e i quartieri che fanno da sfondo alle vicende sono rappresentati con grande realismo. Al contesto urbano di Napoli, cuore dei traffici commerciali, si contrappone la contrada del Malpertugio dove è ambientata la vicenda. Funzione simbolica assumono invece il chiasseto, il pozzo e l'arca, che segnano tre momenti fondamentali della novella, perchè alla caduta del protagonista, sempre rappresentata da una discesa, seguono ogni volta una risalita e la progressiva maturazione di Andreuccio, che da vittima del caso riesce a prendersi la sua rivincita sulla sventura.

I Temi

Nella seconda giornata del Decameron si affrontano quei casi difficili che hanno avuto, insperatamente, esito felice. Protagonisti indiscussi sono gli imprevisti della Fortuna, forza cieca e capricciosa, che può inaspettatamente rovesciare la condizione degli uomini e l'abilità, l'astuzia tipiche della figura del mercante, con cui l'uomo può limitare gli effetti negativi della sorte.

La novella si configura come un vero e proprio percorso di formazione, di crescita del protagonista che, da ingenuo che era, riesce alla fine a piegare a suo favore la fortuna.

Tecniche Narrative

Gli eventi seguono in genere uno svolgimento cronologico, per cui possiamo dire che fabula è intreccio coincidono.
Sono presenti delle analessi nel discorso della vecchia siciliana e nelle parole con cui la prostituta si prende gioco dell'ingenuo Andreuccio, inventando la storia della loro parentela.
Il narratore è esterno e onnisciente, ed interviene sopratutto nella prima sequenza per sottolineare l'ingenuità della protagonista. Cosi quando Andreuccio mostra il suo denaro, la voce narrante, che esprime il punto di vista dell'autore, definisce i giovane "rozzo e poco cauto".

Registrati via email